I nostri lettori ci aiutano e traiamo profitto dai guadagni di affiliazione guadagnati quando fai clic e acquisti tramite i collegamenti del nostro sito. Ulteriori informazioni.

Un mistero ponderoso senza molto morso

‘Earwig’ – Lucile Hadžihalilović

L’evoluzione della regista francese Lucile Hadžihalilović dovrebbe darti una prospettiva su cosa aspettarsi da uno dei suoi film sconcertanti che non sembrano mai attenersi alle regole lineari del cinema.

Collaborando con il controverso regista argentino Gaspar Noé per tutti gli anni ’90, Hadžihalilović ha prodotto e montato il suo primo cortometraggio Carne nel 1991 prima di assumere lo stesso ruolo per il suo primo lungometraggio Sto da solo nel 1998. Formando una partnership creativa simbiotica, Noé disse della loro relazione, “Abbiamo scoperto di condividere il desiderio di fare film atipici e abbiamo deciso insieme di creare la nostra società, Les Cinémas de la Zone, per finanziare i nostri progetti”.

Da allora la società ha ospitato molti dei film di Noé, con Hadžihalilović che ha distribuito i suoi film al di fuori di questo collettivo, distinguendosi dall’argentino, almeno dal punto di vista creativo. Deviando dal bisogno di Noé di scioccare con violenza grafica o nudità lampante, i due registi condividono un distinto amore per l’innovazione e la sperimentazione, con l’ultimo film di Hadžihalilović Forbicina dimostrandolo abbastanza chiaramente.

Contenendo la sua storia in una semplice narrativa onirica, le basi del racconto di Hadžihalilović stabiliscono una premessa semplice, sulla storia di una giovane ragazza con cubetti di ghiaccio al posto dei denti, curata da un misterioso gentiluomo formale che le impedisce di uscire di casa. Ricevendo una telefonata da un potente sovrintendente sconosciuto, riferisce quotidianamente del suo stato fino a quando un giorno il chiamante gli dice di preparare la ragazza per il mondo esterno.

La storia di Hadžihalilović si trasforma quindi in un dramma sovversivo di formazione in cui gli adulti che si prendono cura della bambina devono trovare il miglior corso per la sua educazione, inciampando nelle loro decisioni lungo il percorso. Catturato in uno stile ossessionante e allucinatorio che rispecchia le oscure meditazioni gotiche di Guillermo del Toro, Forbicina si trasforma in un pezzo d’atmosfera inquietante che è spesso inquietante e, a volte, innegabilmente ponderoso.

Nonostante la creazione di un grande mondo pieno di mistero e dettagli sporchi, il peso dell’ambizioso racconto di Hadžihalilović si rivela troppo difficile da gestire per le basi del film, diventando ingombrante quando entra nel suo atto finale. Nonostante questo, Forbicinae in effetti la stessa regista rimane un enigma di maestosa qualità, scambiando curiosità e originalità.

Scritto da Hadžihalilović insieme a Geoff Cox di Claire Denis’ Bella vita, Earwig è stato adattato dall’omonimo romanzo di Brian Catling, con i dettagli letterari evidenti nell’adattamento cinematografico. Componendo il suo film come un pittoresco enigma, Forbicina irradia tensione anche se porta a ben poco, creando una festa cinematografica confusa che soddisfa su più fronti ma lascia anche troppe domande senza risposta insoddisfacente.

Senza dubbio l’ultimo film di Lucile Hadžihalilović è una degna aggiunta alla sua accattivante filmografia che include gli anni 2004 Innocenza e 2015 Evoluzione, portando una nuova forma unica di regia nel suo repertorio. Senza l’intrigo del suo sforzo del 2015, tuttavia, Forbicina sembra frustrantemente corto, non mantenendo le sue promesse e il potenziale di Hadžihalilović come vero grande contemporaneo.