I nostri lettori ci aiutano e traiamo profitto dai guadagni di affiliazione guadagnati quando fai clic e acquisti tramite i collegamenti del nostro sito. Ulteriori informazioni.

Quentin Tarantino nomina la sua colonna sonora preferita di tutti i tempi

Come regista famoso per il suo uso abile della musica, Quentin Tarantino sa una o due cose su ciò che rende perfetta la colonna sonora del film. Dalla linea di basso di “Little Green Bags” in Le Iene alla chitarra da surf di ‘Misirlou’ in Pulp Fiction, più e più volte il regista ha dimostrato che la personalità di un film sta nella sua colonna sonora. Tarantino è uno di quei registi che mente per macchiare i propri film con la musica popolare, dischi che costituiscono la propria collezione. Questo non vuol dire che non sia un fan della colonna sonora classica.

Parlando con Non tagliato, Tarantino ha scelto i suoi dieci dischi preferiti. Oltre a classici come quello di Bob Dylan Sangue sui binari e quello di Elvis Presley Le sessioni del sole, l’autore ha selezionato un paio di colonne sonore di film, inclusa la colonna sonora di Bernard Hermann Sorelle e il lavoro di Jack Nitzsche sul thriller di Tony Scott del 1990 Vendetta. Esprimendo il suo affetto per quest’ultimo, Tarantino ha dichiarato: “Tra tutte le colonne sonore, questa è la migliore. È tratto da un film di Tony Scott – ha diretto lui vero romanticismo – ed è una colonna sonora molto lussureggiante ed elegante. Non è necessario conoscere il film per goderti la colonna sonora: funziona di per sé”.

Vendetta racconta la storia di Jay Cochran, un pilota di caccia che si è recentemente ritirato dalla Marina. Dopo aver accettato l’invito del suo amico Tibey a fargli visita in Messico, Cochran arriva nella sua villa e incontra la sua bellissima moglie, Miryea. Man mano che si conoscono, si forma un’attrazione tra i due, che li porta a cedere ai loro desideri. Ben presto, Tibey, un uomo di grande potere nella malavita messicana, scopre la relazione e tutte le loro vite cambiano per sempre.

Nitzsche era stato consigliato a Tony Scott dal produttore Ray Stark. Dopo aver discusso della visione di Scott e aver spiegato cosa poteva portare in tavola, il compositore si è messo al lavoro per creare un’elegante colonna sonora basata su sintetizzatori incentrata su un inebriante tema d’amore. Il pianoforte dal vivo e gli archi lussureggianti si combinano per evocare il romanticismo orchestrale dei classici thriller noir, mentre le infarinature del flauto di Pan campionato evocano il sapore del Messico. Tommy Tedesco, il leggendario chitarrista di sessione, ha suonato la chitarra acustica dal vivo in diverse tracce per la colonna sonora, aggiungendosi alla già ricca e variegata palette sonora di Nitzsche.

Nitzsche era uscito lui stesso dalla musica rock, dove iniziò la sua carriera come cantautore, affermandosi in seguito come arrangiatore e dirigendo per alcuni dei più importanti produttori dell’industria musicale, tra cui il famoso Phil Spector. Jack ricevette l’incarico di scrivere la sua prima colonna sonora nel 1965, ma non sarebbe stato fino agli anni ’70 che si sarebbe consolidato come un pilastro del settore, componendo per artisti del calibro di Stai vicino a me, Hardcore, Uomo stella, Il filo del rasoio e Il settimo segno.

Puoi controllare il suo punteggio ipnotizzante per Vendetta sotto.