I nostri lettori ci aiutano e traiamo profitto dai guadagni di affiliazione guadagnati quando fai clic e acquisti tramite i collegamenti del nostro sito. Ulteriori informazioni.

Quattro artisti per esibirsi nella casa d’infanzia di Paul McCartney

Quattro atti musicali non firmati devono scrivere ed esibirsi nella casa d’infanzia di Paul McCartney, seguendo le orme della band più influente di tutti i tempi, i Beatles. È una casa a schiera senza pretese su Forthlin Road, Allerton, Liverpool, aperta a questo gruppo di aspiranti artisti, ed è qui che sono stati scritti alcuni dei successi più amati della band.

È stato annunciato che Serena Ittoo di Enfield, il duo folk Humm di Bath, Emily Theodora di Richmond e Dullan di Wrexham sono i quattro artisti selezionati per prendere parte all’inaugurale “The Forthlin Sessions”.

Il fratello di Paul McCartney, Mike ha spiegato: “È meraviglioso che la coppia in cui siamo cresciuti ospiti una nuova generazione di musicisti con oltre 60 anni di distanza”.

“Da una casa normale in una strada normale, sono accadute cose straordinarie perché ci è stata data l’opportunità di esprimerci in modo creativo, e lo stiamo trasmettendo oggi”, ha detto. “Non vedo l’ora di vedere come la storia di Forthlin, e ciò che il pubblico condivide, scatenerà nuova musica da questi quattro atti e più ampiamente”.

Volendo usare la casa per mezzi sociali, McCartney ha concluso: “Vogliamo che la nostra piccola casa continui a ispirare le persone per le generazioni a venire”.

La casa è stata restaurata dal National Trust per sembrare quasi esattamente la stessa di quando Paul e Mike sono cresciuti lì. Ora, il Trust chiede al pubblico di condividere storie su come le canzoni dei Beatles scritte in casa li abbiano ispirati, con alcune delle più famose sono “Love Me Do”, “Please Please Me”, “I Saw Her Standing There ‘ e ‘Quando avrò 64 anni’.

La leggendaria emittente televisiva Annie Nightingale ha affermato che la musica creata a Forthlin Road “ha acceso la miccia” per molti della sua generazione, mostrando loro che potevano diventare qualunque cosa volessero essere.

“Ho passato tutta la vita cercando di ringraziare i Beatles, che hanno fatto credere alle generazioni successive che sì, puoi realizzare i tuoi sogni”, ha spiegato. “Non c’erano ornamenti, nessun lusso nella casa dei giovani McCartney in Forthlin Road. Ma c’era musica e ispirazione. Dicevano: ‘Se possiamo realizzare i nostri sogni, puoi farlo anche tu.'”

Le “Forthlin Sessions” saranno ospitate il 17 giugno e trasmesse online.