I nostri lettori ci aiutano e traiamo profitto dai guadagni di affiliazione guadagnati quando fai clic e acquisti tramite i collegamenti del nostro sito. Ulteriori informazioni.

Quando i Grateful Dead sono quasi andati in bancarotta

Anche 45 anni dopo, Il film Grateful Dead è ancora un viaggio cinematografico selvaggio. Iniziando con una selvaggia sequenza animata di sette minuti piena di riferimenti alle canzoni e ai miti della band, il film è una fusione di tutti i tipi di generi cinematografici diversi: in parte viaggio acido animato, in parte documentario incentrato sui fan e in parte film concerto che cattura il Morti proprio prima che colpissero un importante punto di svolta nella loro carriera.

Nel 1974, Jerry Garcia aveva sorpreso gli altri membri della band e la famiglia più numerosa dei Grateful Dead annunciando che voleva prendersi una pausa dal tour. Da quando si è formata nel 1965, la band ha suonato dal vivo praticamente ininterrottamente per un decennio, ma presto sono sorte complicazioni. Il Wall of Sound, l’imponente sistema PA che ha rivoluzionato il suono dei concerti, è stato un enorme investimento finanziario ed è stato massacrante montarlo notte dopo notte. Più di ogni altra cosa, Garcia si sentiva esausto dai Grateful Dead e desiderava esplorare altre opportunità musicali. Gli altri membri erano d’accordo, quindi una serie di cinque concerti presso la base della band, la Winterland Ballroom di San Francisco, in California, era prevista per ottobre.

Gli spettacoli sono stati un grande successo, con l’ex batterista Mickey Hart che è tornato come ospite nel secondo set dello spettacolo finale. Garcia ha escogitato un piano per assemblare il filmato del regista Leon Gast in un film da concerto che potesse andare in tournée al posto della band. I Dead non avevano finito: stavano progettando di registrare un album durante la pausa del tour nel 1975, che alla fine divenne Blues per Allah. Ma avevano numerosi problemi finanziari, tra cui un’etichetta discografica indipendente e un certo numero di dipendenti che ora erano fuori strada e avevano bisogno di soldi, che potevano essere compensati da un film di successo.

Garcia ha chiarito che voleva essere coinvolto nell’intera produzione del film, dalla regia al montaggio fino al missaggio. Di conseguenza, Gast ha lasciato l’assemblaggio del film e la relativa inesperienza di Garcia come regista ha causato il trascinamento della post-produzione del film per quasi tre anni. Oltre 100 ore di filmato dovevano essere ridotte a sole due ore di film, ma le ambizioni di Garcia erano in conflitto con il noioso processo necessario per tagliare il film.

La produzione della sequenza animata di apertura è costata quanto il resto del film, per gentile concessione dell’animatore Gary Gutierrez. Con i costi in aumento, i Dead sono stati costretti a tornare sulla loro etichetta discografica indipendente, avendo bisogno della massiccia distribuzione e del guadagno anticipato che derivava dalla firma per una major. Clive Davis della Arista Records ha accolto la band e Il film Grateful Dead doveva essere distribuito dalla United Artists, la società di produzione originariamente co-fondata da Charlie Chaplin.

“Il film era un classico dei Grateful Dead in cui non ci pensavano in anticipo”, ha riflettuto l’addetto stampa della band Dennis McNally nella storia orale della band Questo è tutto un sogno che abbiamo sognato. “Ma è diventato il progetto personale di Jerry, quindi nessuno avrebbe interferito con esso. D’altra parte, ha quasi dovuto rubare soldi ai Grateful Dead per farlo”.

Infine, Il film Grateful Dead è stato rilasciato nel giugno del 1977, quasi tre anni dopo i concerti originali. A quel punto, Hart si era completamente unito e la band stava suonando materiale da entrambi Blues per Allah e Stazione Terrapin, nessuno dei quali esisteva durante le riprese dei concerti. La band ha mandato il film in tournée invece di produrre un’importante campagna di distribuzione e non è riuscita a realizzare il profitto originariamente previsto per la produzione. In gran parte grazie alla loro terribile situazione finanziaria, i Dead tornarono in viaggio nel 1976 e non se ne andarono mai.

Durante l’ondata originale di blocchi di Covid-19 nel 2020, il canale YouTube dei Dead ha iniziato a pubblicare ufficialmente video di concerti completi di tutta la storia della band. Uno di quei video era Il film Grateful Deadche ora puoi guardare gratuitamente online.

Dai un’occhiata al viaggio completo in basso.