I nostri lettori ci aiutano e traiamo profitto dai guadagni di affiliazione guadagnati quando fai clic e acquisti tramite i collegamenti del nostro sito. Ulteriori informazioni.

Perché Henry Rollins odia Morrissey

Morrisey e Henry Rollins sono tanto distanti dal punto di vista sonoro quanto puoi concepire. Rollins ha guidato la band hardcore punk pionieristica Black Flag, mentre Morrissey ha trovato fama e fortuna come capo degli eroi indie tintinnanti The Smiths.

Eppure, in un certo senso, sia Rollins che Moz sono tagliati dalla stessa stoffa, non ultimo perché hanno avuto alcune opinioni assolutamente controverse nel corso degli anni che non hanno avuto la decenza di tenere per sé e fuori dal regno pubblico.

Alla luce del tragico suicidio di Robin Williams nel 2014, Rollins ha scritto in modo scioccante in un Settimanale di Los Angeles colonna, “Non prendo più questa persona sul serio. Potrei essere in grado di apprezzare ciò che lui o lei ha fatto artisticamente, ma è impossibile sentirsi male per loro. La loro vita non è stata interrotta: è stata abbandonata di proposito. È difficile sentirsi male quando la persona ha fatto quello che voleva”.

Nel frattempo, l’elenco delle controversie che escono dalla bocca di Morrissey è apparentemente infinito. Ad esempio, “Non puoi fare a meno di pensare che il popolo cinese sia una sottospecie” oppure “[Eating meat] è davvero sullo stesso livello morale degli abusi sui minori”. Eppure, forse più semplicemente, Morrissey potrebbe essere riassunto dalla sua dichiarazione: “Ho quasi votato per l’UKIP. Mi piace molto Nigel Farage.

Dato lo stato d’animo cupo di Morrissey, le opinioni controverse e il fatto che fosse il ragazzo simbolo degli adolescenti miserabili che vivevano nella Gran Bretagna degli anni ’80, Rollins una volta ha anche rivolto la sua lingua crudele verso il buffone ironico di Manchester, residente a Los Angeles, così come verso l’inglese in generale.

“Secondo me, Morrisey incarna ogni tratto orribile che un essere umano può possedere”, ha detto una volta Rollins. “Voglio dire, è inglese; non deve lavorare molto duramente; hanno comunque un handicap. Ma si nota che tutti i grandi musicisti che si sono commossi inglesi, Ozzy Osbourne, Geezer Butler, Tony Iommi e Bill Ward, i membri dei Black Sabbath – che sono una delle più grandi band del mondo, anche se sono inglesi – si sono trasferiti in America che è grande.”

Rollins aveva introdotto il video musicale di “November Spawned A Monster” di Morrisey in un programma musicale australiano. Resta da vedere perché abbia scelto di suonare il brano dato il suo odio per Morrisey, ma ha espresso chiaramente le sue opinioni su come potrebbe essere andato a finire il video musicale con Rollins sulla sedia del regista.

“Adoro questo video perché cattura il nostro eroe, Morrissey, che ozia su un terreno solitario e isolato con questa maglietta esilarante”, ha detto Rollins. “Ogni volta che vedo il video di ‘November Spawned A Monster’, sono sempre qui con una punta di rammarico per non essere stato io a dirigere questo video perché, nell’ultima scena, Morrisey sarebbe stato cosparso di benzina e ambientato in fiamme, e poi alzavamo un microfono e catturavamo il suono dei suoi capelli e della camicia di poliestere che gli bruciava sulla pelle e le sue ultime grida sulla terra.

Roba spietata, come ci si aspetta da uno storicamente al vetriolo come Rollins. Il cantante dei Black Flag, tuttavia, ha mostrato un eccellente acume per gli affari nella clip, presentando un’ottima idea per fare un po’ di soldi extra da artisti del calibro della gioventù inglese che disprezza così tanto.

“Quello che potremmo fare è metterci dietro un colpo di scena, metterlo su un 12 pollici e venderlo a tutti questi ragazzi emaciati con i denti cattivi che non hanno abbastanza vitamina C, che non escono mai”, ha ingegnosamente ideato Rollins. “È come Morrissey; coraggio, non è così male. Quando avrai tutti i soldi che ha quel ragazzo, sarei felice. David Lee Roth una volta disse che “i soldi non possono comprarti la felicità, ma possono comprarti una barca abbastanza grande da poter navigare proprio accanto ad essa”. Il ragazzo dovrebbe tirarsi su di morale”.

Rollins ci stuzzica con il potenziale delle scuse alla fine della clip prima di inzuppare la nostra speranza nella stessa benzina in cui Morrissey si ritroverebbe inzuppato: “So che potrebbe essere un po’ crudele, che avrei potuto picchiare i nostri bellissimi amici lì in Gran Bretagna e sai… non mi interessa davvero.

Questo arriva poco prima di lasciare Moz fuori dai guai quando Rollins dice: “Personalmente, non vorrei bruciarlo; Vorrei legarlo a una sedia e prenderlo in giro finché non si fa la pipì nei pantaloni e promette di non farlo mai più”.