I nostri lettori ci aiutano e traiamo profitto dai guadagni di affiliazione guadagnati quando fai clic e acquisti tramite i collegamenti del nostro sito. Ulteriori informazioni.

Perché Dolly Parton ha definito Bob Dylan uno “strano buckaroo”

Dolly Parton è una di quelle artiste che sembra essere amata da tutti. Ha fan in tutto il mondo, attraverso diverse generazioni, ed è adorata sia dal pubblico che dalle celebrità. Per dirla in prospettiva, una volta ha detto modestamente di se stessa: “L’intera magia in me è che sembro artificiale, ma sono totalmente reale. Le persone possono vederlo. Mi perdonano per essere appariscente. Mi perdonano per non essere alla moda. Mi perdonano per non essere intelligente come potrebbero esserlo alcune persone istruite. La gente mi vede. Voglio che mi conoscano. Non sono timido”.

Parton è uno dei cantautori più prolifici di tutti i tempi – in particolare nel genere della musica country – avendo venduto oltre 100 milioni di dischi in tutto il mondo, portato 25 canzoni al numero uno della classifica Tabellone Classifica di musica country e ha composto oltre 3000 canzoni, inclusi i successi “I Will Always Love You”, “Jolene” e “9 to 5”. Ha ricevuto l’ambito Grammy Lifetime Achievement Award ed è senza dubbio un’icona in ogni senso della parola.

Eppure, nonostante la sua adorazione in tutto il mondo, Parton una volta ha commentato la sua mancanza di amicizia con Bob Dylan: “L’ho incontrato alcune volte, ma non ho mai sentito alcun calore da parte sua nei miei confronti. Penso di averlo offeso in qualche modo per il mio aspetto o il modo in cui ero. Amo la sua musica, ma è uno strano buckaroo. Non mi sembra che ci siamo mai collegati. Forse pensava solo che fossi troppo falso, o non mi conosceva troppo bene”.

“Ho sempre amato la sua musica”, ha aggiunto Parton. “La sua mente è così profonda, ma le sue melodie sono così buone. Si prestano così bene alle armonie. Ho anche pensato di fare un album chiamato Dolly fa Dylanma penso che suoni troppo vicino a Debbie fa Dallas!”

Parton ha interpretato tre canzoni di Dylan nel corso della sua carriera, “Knocking on Heaven’s Door”, “Don’t Think Twice, It’s Alright” e “Blowin’ in the Wind”. Presumibilmente, ha invitato Dylan a unirsi a lei nella sua interpretazione di “Blowin’ in the Wind” per il suo album del 2005 Quelli erano i giorni, ma Dylan ha rifiutato. Ha poi chiesto al figlio di Dylan, Jakob, di sostituire suo padre, ma anche lui ha rifiutato l’opportunità.

Sebbene Dylan non volesse apparire nell’album di Parton, ciò non ha impedito a un certo numero di altri cantanti di alto profilo di fare un’apparizione nel suo 41esimo album in studio da solista, con Keith Urban, Kris Kristofferson e Judy Collins che hanno tutti contribuito all’LP che ha raggiunto numero 48 del Tabellone 200.

Anche se Parton potrebbe non essersi guadagnata l’affetto di Dylan che sembra aver desiderato, ha molti altri amici famosi, tra cui Reba McEntire, Miley Cyrus e Jack White. Una volta ha ricordato il suo piacevole incontro con White: “Jack era nel mio stesso ristorante. Abbiamo pensato di ordinare tutto in modo da sapere cosa ordinare la prossima volta che siamo andati. Jack era lì e ha preso il nostro conto! Non mi sono mai sentito così male in vita mia perché quel conto doveva essere oltraggioso”.

Ma la stessa Parton ha precedentemente esemplificato la gentilezza di Jack White quel giorno al ristorante. Un’altra delle sue amiche più care, Jane Fonda, una volta ha detto: “È profonda e ha un cuore davvero, davvero enorme, ed è davvero intelligente e profondamente spirituale”.