I nostri lettori ci aiutano e traiamo profitto dai guadagni di affiliazione guadagnati quando fai clic e acquisti tramite i collegamenti del nostro sito. Ulteriori informazioni.

Perché Chris Cornell non voleva unirsi alla reunion dei Led Zeppelin

Dopo l’iconica reunion dei Led Zeppelin del 2007 alla O2 Arena di Londra, a cui oltre un milione di persone hanno tentato di partecipare, le voci hanno cominciato a girare su un tour a tutti gli effetti. Tuttavia, Robert Plant non aveva alcun interesse e avevano bisogno di un sostituto se mai avesse funzionato.

Come tutti sappiamo, non c’è stato un tour e Jimmy Page non ha avuto successo nel cercare di manifestare la sua fantasia. Invece, il chitarrista è stato costretto a mettere da parte i suoi piani e, con il passare degli anni, Page ha apparentemente accettato che la band non suonerà mai più insieme. Se questo è il caso, si sono ritirati in uno stile aggraziato.

Tuttavia, dopo il clamore della loro reunion, sembrava che un tour e le apparizioni ai festival fossero un’inevitabile. Sfortunatamente, Plant alla fine ha spento il fuoco riguardo al suo coinvolgimento, ma sono continuate le discussioni su un tour con un cantante diverso.

Ha detto in una dichiarazione: “È frustrante e ridicolo che questa storia continui a sollevare la testa quando tutti i musicisti che circondano la storia sono desiderosi di andare avanti con i loro progetti individuali e andare avanti. Auguro a Jimmy Page, John Paul Jones e Jason Bonham nient’altro che successo con qualsiasi progetto futuro”.

Inoltre, Il Sole ha anche ipotizzato che stessero facendo un’audizione per nuovi cantanti e Chris Cornell era uno dei nomi nella discussione. In teoria, aveva perfettamente senso, e se qualcuno poteva adeguatamente mettersi nei panni di Plant, quello era Cornell.

Per alcuni giorni, sembrava addirittura che fosse una certezza che sarebbero andati in tour con Cornell a causa delle speculazioni della stampa. Le voci si sono intensificate a tal punto che il frontman dei Soundgarden non ha avuto altra scelta che affrontare il discorso. “Non farei mai nulla del genere, sia che mi si avvicini o meno”, ha commentato Cornell. “Semplicemente non ha alcun senso per me. Non vorrei vedermi suonare le canzoni dei Led Zeppelin con gli altri due ragazzi che facevano parte di una band chiamata Led Zeppelin mentre Robert Plant è in tour da qualche parte”.

Ha aggiunto: “Non è un biglietto che comprerei. Dio li benedica, ma non sono i Led Zeppelin. Lo trovo completamente deprimente. Non farei mai niente del genere. Intendo solo per rispetto all’eredità della band.

In verità, non ci sono Led Zeppelin senza Robert Plant, e sarebbe stata una parodia vedere qualcun altro davanti al gruppo, anche se ben equipaggiato come Cornell. Inoltre, il modo in cui gli Zeppelin si sono ritirati all’O2 è stato perfetto e qualsiasi altra cosa che hanno fatto dopo che avrebbe potuto avere un impatto negativo sulla loro eredità.