I nostri lettori ci aiutano e traiamo profitto dai guadagni di affiliazione guadagnati quando fai clic e acquisti tramite i collegamenti del nostro sito. Ulteriori informazioni.

Paul McCartney su come il padre di George Harrison è diventato un eroe

Coloro che erano in età scolare dopo il 1998 sono spesso sorpresi nell’ascoltare storie del “bastone”. Le punizioni corporali sono state vietate in tutte le scuole statali nel 1986, ma è stato solo alla fine degli anni ’90 che il divieto è stato esteso alle scuole private in Inghilterra e Galles. La sentenza ha liberato i bambini delle scuole dall’incombente minaccia di un pestaggio estatico, ma molti ricordano ancora di aver ricevuto il bastone come se fosse ieri. In effetti, Paul McCartney una volta ha ricordato un episodio spaventoso in cui il suo compagno di band dei Quarrymen, George Harrison, si è messo dalla parte sbagliata del loro insegnante e ne ha subito il risultato.

Paul ha raccontato la storia durante un’intervista televisiva negli anni ’80. Rispondendo se fosse mai stato bastonato per essere “cattivo”, l’ex Beatle ha detto: “L’ho fatto occasionalmente, sì, devo ammettere, vostro onore – ci sono state un paio di occasioni”. Ma non è stato solo Paul a sentire il duro colpo del bastone: “I miei compagni sono stati bastonati, sì”, ha aggiunto. “Ci picchiavano, sei dei migliori un po’ magri. Ma, ehm, ricordo che questa volta George è stato fustigato, George Harrison, perché eravamo compagni di scuola.

Paul ha continuato spiegando che “sebbene non abbiamo mai fatto davvero niente di male”, i loro pantaloni attillati e i tagli di capelli da Teddie Boy erano sufficienti per contrassegnarli come possibili piantagrane. “Così George ha finito una volta e l’insegnante lo ha mancato e l’ha portato qui [pointing to the base of his wrist] e ha fatto venire qui un paio di ruote, sai, quelle cose avventate”, ha ricordato Paul.

Aggiungendo: “Ed è andato a casa e stava prendendo il tè con suo padre, e tutti parlano di come è andata a scuola: suo padre ha detto: ‘Cos’è quello?’ – vide queste cose che erano venute fuori – e George gli disse: ‘Maestro’. Quindi il giorno dopo erano in classe e qualcuno ha fatto capolino ‘oltre la porta, sai, e ha detto ‘Ehm, signor’ – chiunque fosse l’insegnante che aveva bastonato George – ‘Puoi venire qui un momento per favore’ . Ed è uscito e c’era il padre di George lì. Egli ha detto [pointing to his wrist], ‘L’hai fatto a mio figlio?’ Ha detto “Sì, l’ho fatto” e suo padre è andato [throws a punch] schifo! Proprio qui.”

Come puoi immaginare, il padre di George divenne presto il discorso della scuola. “Era un eroe”, ha concluso Paul. «Allora era solo l’eroe della scuola, il padre di George. Era così, lo sai? Frustrante per Paul, suo padre non era così conflittuale. “Dicevo a mio padre che sono stato fustigato e lui diceva ‘Beh, probabilmente hai fatto qualcosa di sbagliato”. Che sfortuna, Paolo.

Vedi l’intervista, qui sotto,