I nostri lettori ci aiutano e traiamo profitto dai guadagni di affiliazione guadagnati quando fai clic e acquisti tramite i collegamenti del nostro sito. Ulteriori informazioni.

L’iconico ruolo cinematografico che Leonardo DiCaprio odia di più

Leonardo DiCaprio si è affermato come uno dei talenti recitativi più riconoscibili al mondo grazie alla sua incredibile filmografia piena di progetti potenti. Fin dall’inizio della sua acclamata carriera cinematografica, DiCaprio ha offerto interpretazioni meravigliose che lo hanno spinto verso un successo e una celebrità senza precedenti.

Mentre molti fan continuano a rivisitare i vecchi classici di DiCaprio come Titanico e Prendimi se ci riesci, altri aspettano ogni anno il suo ultimo lavoro. Ha ottenuto molti consensi lo scorso anno per la sua esibizione Non guardare in altoun duro progetto satirico di Adam McKay che ha esplorato l’atteggiamento verso il collasso ambientale.

Dal momento che DiCaprio ha raggiunto la vetta dell’industria cinematografica ora, ha il controllo completo dei progetti a cui partecipa e attualmente sta lavorando di nuovo con Martin Scorsese su una nuova produzione. Tuttavia, in un’occasione, l’attore si è sentito come se il suo ruolo in un film non fosse affatto adatto a lui, ma ha deciso di farlo comunque.

Quel film non era altro che quello di Quentin Tarantino Django Unchained dove ha interpretato il ruolo di Calvin Candie, un malvagio proprietario di piantagioni la cui natura era fondamentalmente brutale. Secondo DiCaprio, era preoccupato nel ritrarre una figura del genere perché andava contro tutto ciò che rappresentava.

“Era questo personaggio orribile incredibilmente interessante”, ha detto DiCaprio in un colloquio mentre commenta il ruolo terrificante. “Voglio dire, non c’era assolutamente nulla in quest’uomo con cui potevo identificarmi. Lo odiavo ed era uno dei personaggi più narcisisti e razzisti che abbia mai letto in tutta la mia vita”.

Quando è uscito, il film ha sicuramente ricevuto molti contraccolpi da figure come Spike Lee che ha criticato Tarantino per aver usato un linguaggio razzista e ha affermato che il film era irrispettoso. Tuttavia, DiCaprio è andato avanti con il suo lavoro perché è stato incoraggiato dai suoi co-protagonisti Samuel L. Jackson e Jamie Foxx.

L’attore ha aggiunto: “Uno dei momenti cruciali per me è stata questa lettura iniziale, mi chiedevo se fosse necessario essere così violenti e atroci per gli altri esseri umani e sono stati Sam e Jamie a dire: ‘Se lo addolcisci, le persone si risentiranno da morire per te. Devi spingere questo ragazzo all’estremo estremo.’ Questo è ciò che mi ha spinto ad andare come ho fatto nel personaggio.