I nostri lettori ci aiutano e traiamo profitto dai guadagni di affiliazione guadagnati quando fai clic e acquisti tramite i collegamenti del nostro sito. Ulteriori informazioni.

La storia della peggiore audizione di Steve Buscemi

Steve Buscemi ha creato un corpus di lavori indimenticabile nel corso di una carriera affascinante. Ha lavorato con alcuni dei più grandi registi del nostro tempo, da Quentin Tarantino ai fratelli Coen. Emergendosi come una delle figure più amate di Hollywood, Buscemi ha continuato a produrre spettacoli affascinanti negli ultimi anni.

Il suo lavoro nella commedia oscura del 2017 – La morte di Stalin – ha dimostrato che Buscemi è ancora al top del suo gioco. Tuttavia, la maggior parte dei fan del cinema penserà sempre ai precedenti ruoli iconici di Buscemi quando parla della sua opera, in particolare delle sue interpretazioni in manufatti della cultura popolare come Le Iene e Fargo.

Tuttavia, gli esordi della carriera di Buscemi hanno racchiuso anche alcune esperienze difficili. Sebbene sia riuscito a collaborare con pionieri come Martin Scorsese e Jim Jarmusch in quegli anni, ha anche dovuto lottare in più occasioni per affermarsi come uno dei migliori talenti della recitazione in un settore brutalmente competitivo.

Un’opportunità di svolta gli venne durante gli anni ’80, quando Buscemi ottenne un’audizione per una parte in una commedia del 1987 di Barry Levinson intitolata Uomini di latta. Durante un episodio del Soprano parlanti podcast, Buscemi ha rivelato che le sue capacità di audizione non erano così raffinate, motivo per cui questo si è rivelato un completo disastro.

Dopo essersi presentato al casting, Buscemi ha consegnato la sua interpretazione del personaggio di fronte a Levinson e al direttore del casting. Tuttavia, il regista non è rimasto affatto colpito e gli ha chiesto di farlo in un modo diverso. Buscemi ha ricordato: “[Levinson] disse: ‘Oh sì, va bene. Ora, prova così.’ E mi ha dato una direzione molto specifica”.

Nonostante la regia, Buscemi ha finito per interpretare di nuovo il ruolo allo stesso modo. “Ho letto di nuovo la scena. E lui ha guardato me e io ho guardato lui. E io ho detto: ‘L’ho appena fatto allo stesso modo, giusto?’ Dice: ‘Sì'”, ha aggiunto Buscemi. ‘Non ho fatto niente! Ho appena copiato esattamente come l’ho fatto prima. Ho capito subito: ‘OK, non ho avuto questa parte.'”

Nel corso degli anni, Buscemi ha imparato di più sulle abilità specifiche richieste per inchiodare le audizioni e presto ha imparato l’arte ed è così che ha ottenuto alcuni dei suoi ruoli più iconici. Infatti, la parte di Buscemi Serbatoio Cani in realtà avrebbe dovuto essere interpretato dal regista, ma l’audizione dell’attore è stata così buona che Tarantino ha cambiato idea.