I nostri lettori ci aiutano e traiamo profitto dai guadagni di affiliazione guadagnati quando fai clic e acquisti tramite i collegamenti del nostro sito. Ulteriori informazioni.

La musica che ha plasmato la vita di Billie Joe Armstrong

Molte persone pensano a Billie Joe Armstrong come a un’icona della musica alternativa moderna, e questo è davvero un punto difficile contro cui argomentare. In qualità di frontman della rock band americana Green Day, Armstrong ha avuto un grande impatto sulla scena rock e alternativa negli anni 2000 e oltre.

Se sei curioso della musica che lo ha ispirato a diventare il giocatore potente che è, non sei l’unico. Il suo stile è stato straordinariamente influente, quindi ha senso solo che le origini suscitino curiosità. Quando si tratta della musica che ha plasmato la sua vita, ha storie di tutto, da Elvis a The Replacements.

Armstrong ama molto il punk classico e il rock classico, le sue radici musicali sono fortemente radicate nella scena. Quando si tratta della sua ispirazione per diventare un musicista, Hüsker Dü può essere accreditato con quello. Egli ha detto“Suono musica da quando ho memoria, ma quando ho iniziato a dedicarmi alla musica alternativa, ho iniziato a [1986’s] Caramella Grigio Mela di Hüsker Dü, perché stavo guardando il video di “Non voglio sapere se sei solo” su 120 Minutes su MTV. Sono stato subito sbalordito da quella canzone. Ho iniziato una lunga storia d’amore con Hüsker Dü. Volevo essere come Hüsker Dü quando ho iniziato i Green Day”.

Tuttavia, considera anche Joey Ramone e Kathleen Hanna alcuni dei migliori musicisti, dicendo di Ramone: “Joey è il Gesù del punk. Ha questa qualità accattivante in cui la sua voce corrisponde al suo aspetto. È incredibilmente bello, in un modo da mantide religiosa. È solo allampanato e con le gambe lunghe e la sua voce [sounds like] che—è come un bambino davvero insicuro che ha acquisito potere attraverso la musica rock & roll”.

Inoltre, parla molto bene della star di riot grrrl, “Kathleen [Hanna] è uno dei miei cantanti preferiti. I Bikini Kill incarnano tutto ciò che amo della musica: sono pieni di potere, hanno una vulnerabilità e ovviamente c’è il lato politico. È fantastico da ascoltare prima di un concerto, perché mi dà il massimo e mi fa sentire pronto per suonare. Kathleen Hanna mi fa ubriacare.

Ma il rock e il punk non sono i suoi unici amori. Parla dell’ascolto di Elvis che cresce: “C’era molto Elvis in casa mia, perché mia madre è di quella generazione. Tutti i suoi movimenti, il modo in cui suonava la chitarra…” Il carismatico frontman non è estraneo a una passeggiata sul palco e condivide un’adorazione simile per Chuck Berry. In effetti, “Johnny B. Goode” è stata la prima canzone che abbia mai imparato a suonare con la sua chitarra. Disse EW, “Ho ricevuto la mia prima chitarra quando avevo otto anni. Era una Hohner Les Paul. All’epoca avevo un insegnante di chitarra; è lui che mi ha mostrato come suonare quella canzone. Era la prima canzone [where] Mi sono reso conto: ‘Oh, sto suonando qualcosa!’ Ha plasmato tutto ciò che ho fatto dopo, inconsciamente, per il resto della mia vita.

Billie Joe Armstrong ha sicuramente un gusto musicale vario che lo ha trasformato nell’artista che è ora. E per di più, ha un senso dell’umorismo sfacciato su tutto. Quando gli è stato chiesto quale musica ascolta quando si addormenta, ha detto Canibal Corpse, subito seguito da: “Sto solo scherzando! [Laughs] Ho troppa musica nel cervello. Se ascoltassi qualcos’altro prima di andare a letto, mi farebbe impazzire”.

È una raccolta di brani che crea una playlist davvero stimolante.