I nostri lettori ci aiutano e traiamo profitto dai guadagni di affiliazione guadagnati quando fai clic e acquisti tramite i collegamenti del nostro sito. Ulteriori informazioni.

La bizzarra apparizione di Billy Corgan nello show di The Alex Jones

Billy Corgan, noto soprattutto per essere stato il frontman dell’iconica band alternativa degli anni ’90 The Smashing Pumpkins, ha ispirato un’intera generazione di fan della musica alternativa e rock, in particolare nelle varietà indie rock e grunge. Ciò per cui non è meglio conosciuto, tuttavia, sono le sue opinioni e tendenze politiche.

Tuttavia, tornando indietro nel Archivi lontani, guardiamo a un momento in cui Corgan sembrava relativamente determinato a cambiarlo durante un’apparizione allo show di Alex Jones più volte nel 2016 e intorno al 2016. Sì, Alex Jones, il teorico della cospirazione di Internet di estrema destra “l’11 settembre era un lavoro interno” . Quel ragazzo.

È sempre strano quando gli anni passano solo per personalità, artisti e musicisti dell’industria dell’intrattenimento che si rivelano stranamente conservatori. Anche se lo stereotipo è che le persone invecchiano nel conservatorismo, non sembra che vogliamo pensare ai nostri idoli rock star in quel modo.

Corgan, tuttavia, ha sottolineato quanto sia deluso dal “lavaggio del cervello del guerriero della giustizia sociale” che, ancora una volta, sembrava una mossa assecondante per Jones e il suo pubblico, ma è impossibile dirlo con certezza. Ha detto nello show: “Se potessimo tornare a… un tempo in cui il razzismo era accettato. È stato istituzionalizzato. OK? Se potessi tornare a Selma, 1932 e al membro del Klan che sputa in faccia a una persona di colore, non credi che anche quel ragazzo pensasse di aver ragione? OK. Allora, in che modo questo è diverso?”

Ma non preoccuparti, non era solo politica. Oh, contrari. Corgan si è anche assicurato di prendersi il tempo per parlare di quanto ama gli integratori per la salute Super Male Vitality di Jones. Forse un po’ rabbrividire, ma certamente non allo stesso livello del tentativo di dare alle fiamme i “guerrieri della giustizia sociale”. Ha anche menzionato il disgusto per la cultura di Internet e la “generazione hashtag”.

Ma ancora una volta, i giovani non sono stati gli unici a subire il peso maggiore, poiché ha anche sparato al candidato alla presidenza Bernie Sanders (come dopotutto era il 2016). Ha detto: “Parlare in America nel 2016 di ‘Mao è una buona idea’ e un socialista si candida alla presidenza e va bene. E torneremo a queste pazze aliquote fiscali dove priveremo completamente il potere degli innovatori nel nostro paese. Il quarantasei percento degli americani non paga alcuna forma di tassa, almeno in termini federali o statali. Roba gratis? Grande. Dammi più cose gratis… Ecco perché sono per Bernie Sanders.

È, beh, una comprensione molto superficiale dello stato politico americano per non dire altro. Anche se il filmato dell’intervista originale è stato relativamente nascosto, questa non è la prima volta, né sarà probabilmente l’ultima, che si aggrappa pubblicamente al suo conservatorismo.

Vedi l’aspetto, di seguito.