I nostri lettori ci aiutano e traiamo profitto dai guadagni di affiliazione guadagnati quando fai clic e acquisti tramite i collegamenti del nostro sito. Ulteriori informazioni.

Il motivo per cui Paul Weller odiava fare Band Aid

Paul Weller non voleva avere niente a che fare con Band Aid, e se non fosse stato per beneficenza, non avrebbe mai accettato l’offerta di partecipare al singolo. Sebbene fosse tutto per una nobile causa, è stata un’esperienza che ha lasciato Weller saldamente fuori dalla sua zona di comfort.

Bob Geldof è stato la mente dietro il singolo di beneficenza di Natale e si è sentito in dovere di fare qualcosa dopo aver visto filmati di bambini affamati in Etiopia. Geldof iniziò rapidamente a fare telefonate, la prima delle quali a Midge Ure. Da lì, i due hanno contattato quasi tutti i nomi significativi della musica britannica e hanno riunito un cast stellare per una causa più grande di loro.

Per quanto Weller avrebbe voluto dire di no, comprendeva l’importanza della carestia in Africa e sarebbe stato egoistico rifiutarsi di partecipare. Tuttavia, lo ha spinto in un territorio sconosciuto e l’ex frontman dei Jam si è sentito molto a disagio in compagnia delle più grandi pop star britanniche.

Gli artisti Weller hanno girato il video insieme a artisti del calibro di Duran Duran, Spandau Ballet, Wham, U2, Culture Club e Status Quo. Nessuno era proprio sulla sua lunghezza d’onda, e in seguito ha affermato che “tutti” a parte se stesso stavano annusando cocaina sul set, il che lo ha fatto sentire ancora più isolato.

Weller ha ammesso in una sessione di domande e risposte con i fan: “[The video shoot] era orribile. Tutti scendevano a soffiare nei gabinetti. Probabilmente sarebbe andato tutto bene per me negli anni ’90, ma allora non mi interessava tutto questo. Ero completamente fuori dalla mia zona di comfort”.

Il suo comportamento sul set ha fregato i suoi colleghi musicisti nel modo sbagliato. Dopo diverse ore e sentendosi come se fosse stato perseguitato, George Michael alla fine raggiunse il punto di ebollizione, il che lo portò ad aggredire il leader del The Style Council.

“I musicisti in Inghilterra si sono dati da fare a vicenda tutto l’anno, e tutti se ne sono dimenticati per quel giorno”, ricordò in seguito Michael. “L’unica persona che non ha ceduto alla natura caritatevole della giornata è stato Paul Weller, che ha deciso di provarci davanti a tutti”.

Weller da allora ha riflettuto sul suo comportamento durante questo periodo e ha ammesso che il suo ego era fuori controllo. Ricordando quel periodo con BBC 6 Music, ha detto alla conduttrice Lauren Laverne: “È sempre facile dire queste cose con il senno di poi, ma posso vedere fino a che punto ero arrivato in quel momento!”

Guarda il video di Band Aid qui sotto e vedi se riesci a individuare il disagio scritto su tutta la faccia di Paul Weller.