I nostri lettori ci aiutano e traiamo profitto dai guadagni di affiliazione guadagnati quando fai clic e acquisti tramite i collegamenti del nostro sito. Ulteriori informazioni.

Il miglior consiglio che Karen O abbia mai ricevuto

La frontwoman di Yeah Yeah Yeah, Karen O, è una delle artiste musicali più accattivanti dei tempi contemporanei. Cantante iconica, fonde il suo inconfondibile stile vocale con energiche buffonate sul palco e un guardaroba caleidoscopico per creare un personaggio che non è stato altro che influente da quando la band è entrata in scena per la prima volta nei primi anni 2000.

Uno degli attori chiave nella scena seminale di New York che ci ha regalato artisti del calibro di The Strokes e Interpol, il mix di art-rock di Yeah Yeah Yeahs con il lato più ballerino del post-punk ispirato all’ESG ha creato un suono che era diverso da qualsiasi cosa noi avevo sentito prima.

Con il batterista Brian Chase e il chitarrista Nick Zinner, il trio ha pubblicato solo quattro album fino ad oggi, il che ti dice molto sulla loro genialità, considerando che hanno pubblicato alcuni dei brani rock più iconici di questo secolo.

Artisti del calibro di “Heads Will Roll”, “Maps” e “Gold Lion” hanno riempito i pavimenti delle discoteche indie e delle feste house da quando sono stati pubblicati, ed è indubbio che non avrebbero un’essenza così senza tempo senza le prestazioni eccezionali di Karen O, che è una sorta di mix contemporaneo di Debbie Harry e Siouxsie Sioux.

A parte gli Yeah Yeah Yeahs, Karen O ha lavorato con una miriade di altri artisti leggendari come Santigold, The Flaming Lips, Swans e persino il compianto Ol’ Dirty Bastard. Ha anche attirato l’attenzione nei titoli di testa dell’adattamento di David Fincher del 2011 di La ragazza con il tatuaggio del drago quando ha collaborato con Trent Reznor e Atticus Ross per un’interpretazione altamente industrializzata di “Immigrant Song” dei Led Zeppelin.

Dato che ha goduto di una carriera così leggendaria, i pensieri di Karen O sulla vita sono stati ascoltati da vicino. In un’intervista del 2019 con Spotify for Artists, ha rivelato il miglior consiglio che le sia mai stato dato e, non sorprende, è affascinante e qualcosa che tutti i musicisti in erba potrebbero fare con l’udito.

Ha detto: “Il miglior consiglio che abbia mai ricevuto è stato dalla mia migliore amica che ha detto: ‘Karen devi essere più una cagna.’ E così, ed è fondamentalmente come se lui dicesse semplicemente: ‘Sì, devi solo alzare lo sguardo quando senti che qualcuno ti sta spingendo in una direzione in cui non ti senti a tuo agio ad andare e cose del genere’, capisci?

Aggiungendo: “Quindi non ho problemi a farlo fino a un certo punto, ma di solito non è quello che senti, di solito senti, ‘se non lo fai, rovinerai tutto per te stesso e così via per te stesso’, e generalmente non è vero. Penso che non una sola volta mi sono mai pentito di aver detto di no a qualcosa che sembrava sbagliato. Sì, penso che sia più simile al rispetto di sé fino a un certo punto, capisci?

“Ma tipo, ma sai, non vuoi, tipo, metterlo a repentaglio… come artista devi proteggere il tuo dono perché è una cosa preziosa, e se dici tipo no quando devi dire no e sì, quando devi dire di sì, stai in qualche modo ritagliando un percorso per te stesso come artista che fa la propria arte alle proprie condizioni e questo è davvero importante.