I nostri lettori ci aiutano e traiamo profitto dai guadagni di affiliazione guadagnati quando fai clic e acquisti tramite i collegamenti del nostro sito. Ulteriori informazioni.

Il costo della Woodstock Fender Stratocaster di Jimi Hendrix

Quando Jimi Hendrix irruppe sulla scena negli anni ’60, il mondo fu colto completamente alla sprovvista.

Il chitarrista americano si era fatto le ossa suonando in una varietà di band in tutto il paese prima di essere scoperto nel maggio 1966 da Linda Keith, la fidanzata del chitarrista dei Rolling Stones Keith Richards, esibendosi al Cafe Wha?

Alla fine si riferì all’ex bassista degli Animals Chas Chandler, alla fine di quell’estate Hendrix si ritrovò ad essere trasportato attraverso l’oceano nel Regno Unito, poiché Chandler era certo di aver appena colpito l’oro, dato che aveva appena iniziato il suo passaggio alla musica gestione. Era convinto che insieme lui e Hendrix avrebbero potuto realizzare qualcosa di molto speciale, e non si sbagliava.

Chandler creò la band che divenne nota come The Jimi Hendrix Experience, reclutando il bassista Noel Redding e il maestro della batteria Mitch Mitchell per fornire una solida zavorra ritmica per questo eroe della chitarra ancora sconosciuto su cui distruggere. Una band brillantemente configurata, ha funzionato meglio di quanto chiunque avrebbe mai potuto immaginare, e insieme i tre hanno creato un rumore fragoroso ma incantevole che era diverso da qualsiasi cosa fosse mai arrivata prima.

Il mondo, e in particolare i suoi chitarristi affermati come Eric Clapton e Pete Townshend, sono stati spazzati via da Hendrix. Adeguatamente, hanno ricevuto lo slancio necessario per rinunciare a ciò che potrebbe forse essere descritto come compiacimento e portare il loro lavoro al livello successivo.

Prendi il seguente aneddoto, per esempio. Il 1 ottobre 1966, Chandler portò Hendrix nell’iconica sede del Politecnico di Londra in Regent Street, dove quella sera si esibiva la band di Clapton, i Cream. Fu qui che Clapton e Hendrix si incontrarono per la prima volta, e sarebbe stato il chitarrista inglese a lasciare quella notte con la sensazione che qualcosa fosse cambiato.

Ricordando l’evento anni dopo, Clapton ha detto: “Ha chiesto se poteva suonare un paio di numeri. Ho detto: ‘Certo’, ma ho avuto una strana sensazione su di lui”. A metà del set dei Cream, Hendrix è salito sul palco e ha offerto un’interpretazione ad alto numero di ottani del preferito “Killing Floor” di Howlin’ Wolf.

Nel 1989, Clapton ha approfondito questa prima esperienza con Jimi Hendrix: “Suonava praticamente in tutti gli stili che si potessero pensare, e non in modo appariscente. Voglio dire, ha fatto alcuni dei suoi trucchi, come giocare con i denti e dietro la schiena, ma non era affatto in un senso di esclusione, e basta… Si è allontanato e la mia vita non è più stata la stessa”. .

Il decennio sarebbe poi quello di Hendrix, e culminò in una delle esibizioni più iconiche di tutti i tempi, il suo set a Woodstock ’69. Hendrix ha sbalordito tutti in quel campo fangoso nello stato di New York, mentre li ha abbagliati con tagli come “Purple Haze” e la sua interpretazione senza tempo di “Star-Spangled Banner”. Da allora, a causa della sua prematura scomparsa l’anno successivo, questa performance è stata celebrata come il momento definitivo della sua carriera, quello in cui ha finalmente confermato il suo dominio su tutto il rock and roll.

Di conseguenza, la chitarra che suonò quel giorno, la Olympic White Fender Stratocaster del 1968, che acquistò in un negozio di chitarre di New York, è una delle sei corde più preziose in circolazione. A ciò si aggiunge il fatto che si è esibito con esso al Newport Pop Festival e nel suo ultimo spettacolo all’Isola di Fehmarn nel settembre 1970.

Non sorprende che quando il co-fondatore di Microsoft Paul Allen ha acquistato la chitarra negli anni ’90, è stato per ben 2 milioni di dollari, rendendola una delle chitarre più costose mai acquistate. Anche se Allen, morto nel 2018, era un chitarrista e collezionista, non l’ha tenuto per sé. Lo ha donato all’Experience Music Project Museum di Seattle, la città natale di Hendrix, dove ora si trova come parte della loro collezione permanente.

Mi chiedo se qualche musicista contemporaneo venderà mai una delle sue chitarre per così tanto. Ne dubito, perché quello che Hendrix ha fatto per suonare la chitarra e la musica non può essere sottovalutato.