I nostri lettori ci aiutano e traiamo profitto dai guadagni di affiliazione guadagnati quando fai clic e acquisti tramite i collegamenti del nostro sito. Ulteriori informazioni.

Il consiglio che ha cambiato la vita che Jimi Hendrix ha dato a Lemmy Kilmister

(Credito: Lontano / Alamy)

Il più grande frontman dei Motörhead, Lemmy Kilmister, era l’incarnazione ambulante e parlante del rock ‘n’ roll. Ha vissuto la vita al massimo e, aiutato dalla sua bevanda preferita, Jack Daniel’s, ha reso la dissolutezza un aspetto essenziale della sua leggendaria carriera. Lemmy ascese a vette in gran parte antitetiche a quanto ci si aspettava da un figlio di un vicario di umili origini nello Staffordshire, in Inghilterra.

È una testimonianza della vita e dei tempi di Lemmy che Dave Grohl, il leggendario membro dei Nirvana e dei Foo Fighters, una volta proclamò: “Fanculo Elvis e Keith Richards, Lemmy è il re del rock ‘n’ roll. Nessun altro si avvicina”.

Kilmister è stato un pioniere che ha contribuito a diffondere il vangelo del rock tra le masse, immancabilmente trasudando carisma lungo la strada, che ha consolidato il suo posto negli annali della storia come molto più di una semplice rockstar; era una personalità, un commentatore e, in molti punti, un comico. I suoi fan sono così devoti che potresti persino sostenere che ha guidato un culto del personaggio, poiché, senza il suo personaggio, il suo lavoro non sarebbe stato lo stesso.

Sono passati sette anni dalla morte di Kilmister e il vuoto che ha lasciato sembra crescere ogni giorno che passa. Negli anni trascorsi dalla sua morte sono emerse molte storie che il leader dei Motörhead ha raccontato, confermando la sua posizione di uno dei più eminenti commentatori di musica rock.

Lo ha fatto per tutta la sua carriera e, sorprendentemente, Lemmy ha già ottenuto molto nella varietà di band in cui si esibiva prima della formazione dei Motörhead nel 1975. Uno dei momenti più iconici della carriera pre-Motörhead di Lemmy è arrivato quando era il roadie per Jimi Hendrix. In una rivelatrice intervista a Bassista nel 2015, Lemmy ha ricordato un aneddoto che coinvolgeva il leggendario chitarrista americano, dove gli offrì alcuni consigli che cambiarono la traiettoria della sua carriera, influenzando il suo passaggio dalla chitarra al basso, che si sarebbe rivelata una decisione che cambierà la vita, creando il icona che è Lemmy.

Lemmy ha detto: “Mi ha detto che non sarei mai diventato un buon chitarrista (ride). Sono stato fortunato, però. Mi sono unito agli Hawkwind per il lavoro di chitarrista, e hanno semplicemente deciso che non avrebbero preso un altro chitarrista: Dave (Brock, voce) ha deciso che sarebbe stato il protagonista”.

La mente dei Motörhead ha concluso: “Ma il bassista, come un idiota, non si era fatto vivo quel giorno perché era un concerto gratuito e non veniva pagato. Ha lasciato il suo basso e l’amplificatore nel furgone, tipo “Ruba il mio concerto”, quindi gli ho rubato il concerto (ride).”