I nostri lettori ci aiutano e traiamo profitto dai guadagni di affiliazione guadagnati quando fai clic e acquisti tramite i collegamenti del nostro sito. Ulteriori informazioni.

I puledri chiariscono i commenti TRNSMT di The Strokes “mangiarmi il culo”.

A seguito di voci di conflitto tra i Foals e i membri della festa in tournée degli Strokes al festival TRNSMT, il frontman dei Foals Yannis Philippakis ha tentato di spiegare esattamente cosa è successo.

Le due band si sono esibite al festival di Glasgow questo fine settimana e una serie di tweet dal profilo Twitter ufficiale di Yannis aveva portato il pubblico a credere che fosse sorta una sorta di disaccordo.

Il primo tweet diceva: “Ehi, uno dei 5 tour manager non necessari di The Strokes, vieni a trovarmi al catering e mangiami il culo”.

In seguito, Philippakis ha risposto a un post in cui si diceva che qualcuno al festival si era rifiutato di mostrare il suo pass per il backstage dopo che gli era stato richiesto da uno dei team di sicurezza. Era implicito che questo individuo fosse Philippakis.

In risposta a questo, Yannis ha twittato: “Una totale schifezza. Avevano una tappa chiusa: ci invitavano a salire, distribuivano abbonamenti di tappa. Mi ha chiesto di mostrare il mio, nessun problema lo ha mostrato per salire sul palco alla sicurezza e poi è venuto e mi ha rimproverato per non averlo attaccato in un minuto. “

Uno dei tour manager degli Strokes ha risposto a Yannis, scrivendo in modo esilarante sulla sua storia su Instagram: “Devi almeno comprarmi la cena prima”.

In altre notizie di Strokes al TRNSMT, molti fan hanno espresso preoccupazione per il comportamento sul palco del frontman Julian Casablancas. Dopo essere apparso pesantemente ubriaco, alcuni fan hanno sentito che avrebbe potuto aver bisogno di un intervento, con un fan che ha detto: “Casablancas sembra davvero che abbia bisogno di aiuto. L’uomo non sembrava stare bene”.

Altri fan hanno commentato la scarsa qualità del suono complessiva dello spettacolo e che Casablancas è riuscito solo a essere scortese con il pubblico piuttosto che realizzare la commedia prevista che di solito cerca di raggiungere.