I nostri lettori ci aiutano e traiamo profitto dai guadagni di affiliazione guadagnati quando fai clic e acquisti tramite i collegamenti del nostro sito. Ulteriori informazioni.

Guarda Phoebe Bridgers esibirsi con The Jesus and Mary Chain

Fan dell’indie, tenetevi i pantaloni: Phoebe Bridgers si è unita dal vivo a The Jesus e Mary Chain per eseguire il loro classico “Just Like Honey”. La collaborazione è arrivata durante il Festival di Glastonbury di quest’anno.

Bridgers si è unita a The Jesus and Mary Chain dopo aver terminato il suo set sul palco di John Peel. Il cantautore americano ha fornito i cori al gruppo di chitarre scozzese, lasciando la voce solista all’inimitabile Jim Reid. La folla, chiaramente in soggezione per lo spettacolo, è rimasta praticamente in silenzio fino alla fine dello spettacolo, a quel punto il loro entusiasmo pensieroso è scoppiato in un applauso estatico.

Il titolo di Pheobe Bridgers ambientato sul palco di John Peel ha segnato la sua prima uscita a Glastonbury. La sua presenza è stata in qualche modo oscurata dalla notizia della decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti di ribaltare Roe v. Wade, una sentenza storica che proteggeva il diritto all’aborto delle donne.

La decisione di revocare Roe v. Wade è stata presa il 24 giugno, il che significa che gli stati degli Stati Uniti ora non hanno alcun obbligo di rendere legale l’aborto, ma possono stabilire le proprie leggi. Secondo Politico, 23 stati dovrebbero rendere illegale l’aborto. Bridgers ha sollevato la sentenza durante il suo primo set a Glastonbury: “Questa è la mia prima volta qui e, onestamente, è super surreale e divertente, ma sto vivendo una giornata di merda”, ha detto, prima di chiedere agli americani tra la folla di cantare, ” Fanculo la Corte Suprema!”

Il cantante ha poi condiviso un’intervista con Il guardiano in cui ha affrontato il tema dell’aborto: “Ho sempre trovato conforto nel parlare con le persone di passaggio – quando la mamma di qualcuno dice: ‘Ho abortito quando ero un’adolescente.’ Lo ha normalizzato per me”, ha spiegato Bridgers. “Ero, ‘Va bene, è ora di gettare il mio cappello in quella piscina… Non è una frase, l’ho appena inventato. Ma non ci ho pensato, davvero, per niente”.

Bridgers ha continuato: “Come donna bianca della classe medio-alta della California, anche se dovesse essere ribaltata, avrò sempre accesso. Ho un amico che ha frequentato la facoltà di medicina – ogni volta che ho bisogno di un dottore, dico: ‘Hai qualcuno che mi consigli?’ Quindi mi limitavo a dire: ‘Ehi, dove vado per quella cosa? Fare l’occhilino.’ Le persone con accesso avranno sempre accesso. Quello che mi fa incazzare è che non stiamo parlando di me. È così facile: ho suonato in Texas la stessa settimana, poi sono tornato a casa ed ero tipo: oh mio Dio. Fatto l’appuntamento. Sono state 12 ore della mia vita. Non ero per niente emotiva, cazzo. Folle ormonale! Ma non credo che dovresti dire “mi ha lacerato” a me. No! Non ci penso da bambino, ovviamente no”.

Per ora, guarda lo spettacolo a Glastonbury, di seguito.