I nostri lettori ci aiutano e traiamo profitto dai guadagni di affiliazione guadagnati quando fai clic e acquisti tramite i collegamenti del nostro sito. Ulteriori informazioni.

Guarda la cover degli Arcade Fire di “Heart of Glass” di Blondie

“Heart of Glass” dei Blondie è un brano con una melodia così distinta e un’atmosfera in forte espansione che sembra quasi richiedere una copertura. Personalmente, continuo a sostenere che la travolgente versione live di Miley Cyrus sia una delle più grandi cover di tutti i tempi, ma gli Arcade Fire sono sicuramente in gioco anche quando hanno affrontato il classico in concerto mentre erano in tournée con il magistrale Periferia.

In un modo strano, anche se ovviamente non è una loro canzone, questa interpretazione esplosiva ma perfettamente costruita sembra quasi alludere allo sviluppo musicale che ha prodotto il loro ultimo capolavoro NOI. Il nuovo album comprende soprattutto melodie perfettamente composte, in cui i cambi di chiave sono naturali come un uccello che prende il volo per librarsi verso nuovi pascoli.

La canzone è un’epopea che ha visto la fusione di punk e disco – che in teoria erano comunque solo due facce diverse della stessa medaglia – e ha consegnato una dose tanto necessaria di liberazione del fine settimana a un momento difficile a New York City. Tuttavia, non è sempre andato giù una tempesta. “Chris [Stein] ho sempre voluto fare disco”, ha detto il tastierista Jimmy Destri Rolling Stone“Facevamo ‘Heart of Glass’ per far arrabbiare le persone”.

Anche Debbie Harry ha fatto eco a questo punto quando ha detto: “Quando abbiamo fatto Heart Of Glass non era così bello nel nostro set sociale suonare in discoteca. Ma l’abbiamo fatto perché volevamo essere uncool. Era basato su una Roland Rhythm Machine e l’accompagnamento ha impiegato più di 10 ore per scendere”. Questo è certamente un lavoro ben fatto considerando che la canzone da allora ha venduto circa 1,32 milioni di copie.

Fortunatamente, la folla ora si crogiola nell’inno e la sua semplice stratificazione ottimista è una tecnica influente nella musica. Gli Arcade Fire si scontrano per sempre tra i generi nel loro modo unico, quindi “Heart of Glass” si adatta bene a loro. La band rimane fedele all’originale per un inno che è garantito per far commuovere la folla.

Questa versione di copertina è nata sul retro del tour Reflektor della band, un album con un suono simile alla Roland Rhythm Machine in tutto. Hanno affrontato il Linee parallele classico a Houston, in Texas, ed è stato giustamente accolto con una giusta accoglienza. Puoi guardare la magistrale interpretazione del classico crossover punk di seguito.