I nostri lettori ci aiutano e traiamo profitto dai guadagni di affiliazione guadagnati quando fai clic e acquisti tramite i collegamenti del nostro sito. Ulteriori informazioni.

Guarda Bob Dylan eseguire “Jokerman” con una band punk latina

“Jokerman” è una canzone che si staglia come un alligatore che cerca di fondersi con una precessione di coccodrilli nel catalogo arretrato di Bob Dylan. La ragione principale di ciò è perché è assolutamente frenetico. Prima di entrare nella musicologia del tutto anti-Dylan, devi affrontare la selvaggia cascata di immagini nel foglio dei testi davvero surrealista.

Quindi, Dylan un giorno deve aver posto la domanda: “Cosa potrebbe rendere questa canzone più strana?” La risposta era eseguirlo A tarda notte con David Letterman accompagnato dal gruppo punk latino dei Plugz. Non è né una canzone punk né ha intonazioni musicali sudamericane, ma è incongrua e forse questo è ciò che ha portato alla formazione di una squadra opportunamente sconosciuta, come se due probabilità rendessero ovvio.

Dopo un periodo di riposo per Dylan, quando i critici e molti colleghi musicisti allo stesso modo hanno stroncato la sua fase Born-Again, ha deciso di non tornare al collaudato, ma di andare avanti ancora una volta, come un bizzarro rotolante che si rifiuta di raccogliere muschio. Con un paesaggio sonoro elegante, il vagabondo originale canta serpenti nelle mani di un bambino, uragani, twister di sogni e un Jokerman che balla su una melodia di usignolo.

All’epoca in cui Dylan fece la sua apparizione a Letterman nel 1984, il conduttore del talk show era lo stesso “Jokerman”. La commedia era calda e la gente era vecchio. La voce schietta alternativa di Letterman era la voce ironica di sinistra che a suo modo faceva eco a una generazione. Quindi, potresti sicuramente sostenere che il suo appoggio è stato un fattore importante nel revival di Dylan.

Lo ha accolto nel suo show hot come un eroe e gli ha permesso di reinventarsi per la millesima volta. Come disse una volta Dylan, “Cambio nel corso della giornata. Mi sveglio e sono una persona, e quando vado a dormire, so per certo di essere qualcun altro. Tutto bene – è scontato, infatti, nella vita e nei tempi in continua evoluzione del poeta popolare – ma che dire del Plugz, il suo ultimo motore di reinvenzione?

Originari di Los Angeles, i Plugz sono stati uno dei primi artisti a fondere il punk con il latino quando sono emersi nel 1977, dando loro una parentela con Dylan che ha preso i vecchi modi senza tempo del folk e l’ha abbinato al bordo emergente viscerale del rock ‘n ‘ rotolo. Tuttavia, sono le braci morenti della band che vediamo apparire con Dylan mentre si scioglievano nel 1984, lo stesso anno di questa apparizione unica. Successivamente, hanno accolto Steven Hufsteter nei loro ranghi e sono stati ribattezzati Cruzados.

Con un suono del Patti Smith Group, Dylan e The Plugz avevano davvero qualcosa da fare. Sebbene i punk di Los Angeles siano stati acclamati, non hanno mai ricevuto il riconoscimento che meritavano, quindi, in questa apparizione alla grande occasione danno il massimo e quella freschezza ansiosa si riflette nel suono. È come se Dylan e la band fossero dei gioiosi nuovi arrivati. In un certo senso, lo erano, e questo rende la performance davvero scintillante.