I nostri lettori ci aiutano e traiamo profitto dai guadagni di affiliazione guadagnati quando fai clic e acquisti tramite i collegamenti del nostro sito. Ulteriori informazioni.

Gene Simmons spiega a Henry Rollins perché il rap ha superato il rock

Il bassista dei KISS Gene Simmons è stato un critico esplicito della musica rap, ma anche lui ammette che è diventata culturalmente più importante del rock, e lo attribuisce alla morte della stravagante rock star.

Simmons parlò in modo famigerato quando la Rock and Roll Hall of Fame iniziò a includere i rapper nella loro induzione. “Alcune persone decidono cosa c’è dentro e cosa no”, ha detto Radio.com nel 2014. “E le masse si grattano la testa. Hai Grandmaster Flash nella Rock & Roll Hall of Fame? Run-DMC nella Rock & Roll Hall of Fame? Mi stai uccidendo. Ciò non significa che quelli non siano buoni artisti. Ma non suonano la chitarra. Assaggiano e parlano. Nemmeno cantare.

Inoltre, nel 2016, quando è stato annunciato che la NWA sarebbe stata introdotta, Simmons ha nuovamente condannato la mossa. Disse Rolling Stone, “Non vedo l’ora che il rap muoia”, ha anche aggiunto, “Il rap morirà. L’anno prossimo, tra dieci anni, a un certo punto, e poi arriverà qualcos’altro. E tutto ciò è buono e salutare”.

Tuttavia, Simmons crede di capire perché ha superato il rock nonostante i suoi problemi con il genere. Durante la sua apparizione su Lo spettacolo di Henry Rollins nel 2007, ha affermato che la crescita dell’hip-hop è “perché i rocker hanno smesso di comportarsi come rockstar”.

Ha continuato: “Non volevi mostrare loro che avevi belle case, non volevi mostrare loro che eri circondato da belle donne con grandi tette, che tutti noi amiamo – non prenderti in giro. Non volevi indossare gioielli o andare in giro con un’auto veloce.

“Abbiamo iniziato a sembrare dei barboni, e chi no? Rapper. I rapper sono le nuove rockstar, si sentono benissimo, non si scusano, ti prendono in giro, lanciano soldi sullo schermo, sono rockstar. Vogliamo che le nostre rockstar siano diverse dalla gente comune, ma le rockstar sono diventate persone normali”.

In tutta onestà, Simmons ha ragione sul fatto che le rockstar diventino meno stravaganti nell’era moderna, ma la correlazione con il successo è infondata, e non è nemmeno una cosa negativa. Non c’è bisogno che i musicisti agiscano in un certo modo a causa della loro professione e dovrebbero sentirsi liberi di essere fedeli a se stessi.

Certo, nel complesso, i rapper tendono ad essere più vanagloriosi nel loro comportamento e scivolano in personaggi più grandi della vita, ma non è il caso di tutti nell’hip-hop.

C’era un tempo e un luogo per le rockstar stereotipate, e ora sembra un po’ datato. Inoltre, il pubblico vedrà attraverso il pastiche se non è autentico. Dal punto di vista di un giornalista, il ritorno di rockstar che creano guai sarebbe gradito. Tuttavia, nell’era dei social media, questo comportamento sembra improbabile che ritorni.