I nostri lettori ci aiutano e traiamo profitto dai guadagni di affiliazione guadagnati quando fai clic e acquisti tramite i collegamenti del nostro sito. Ulteriori informazioni.

Come Mick Jagger ha sabotato un concerto dei Kings of Leon

Ci sono pochi artisti migliori nel meraviglioso mondo della musica di Mick Jagger. Anche nei suoi ultimi anni, rimane una delle figure più energiche del rock ‘n’ roll e ha più energia di persone che hanno la metà dei suoi anni. Suonare la musica per lui è un’esperienza scoraggiante, come hanno scoperto in prima persona Kings of Leon.

Jagger è stato uno dei primi ad adottare la famiglia Followill, e per quasi due decenni ha parlato di loro. Quando i Kings of Leon hanno iniziato a guadagnare terreno, nel Regno Unito, dopo l’uscita del loro album di debutto, Giovinezza e giovinezzail frontman dei Rolling Stones era lì per supportare i giovani arrivati ​​e loro sentivano i nervi saldi.

Anche se la band doveva ancora prendere fuoco negli Stati Uniti fino a quando non è diventato commerciale con il loro quarto album, Solo di notte — era una storia diversa dall’altra parte dell’Atlantico. Nel Regno Unito, il pubblico li ha immediatamente presi a cuore.

Dopo aver suonato per la prima volta alla famosa Brixton Academy di Londra nel 2003, i Kings of Leon sarebbero tornati nella sede per altre tre date l’anno successivo. Anche se ha perso il loro primo spettacolo presso la sede, Jagger si è assicurato di essere lì per la loro prossima apparizione.

Nel 2021, il cantante dei Kings of Leon Caleb Followill ha ricordato quel concerto e ha ammesso di aver trovato la presenza di Jagger “molto distraente” e allo stesso tempo “surreale”. Ha spiegato alla BBC: “È stato molto distratto perché stavamo suonando lo spettacolo e c’erano alcuni posti vuoti in cima; e poi prima che tu te ne accorga, è Mick seduto lì che sbatte le braccia sul balcone e balla.

“Ci guardavamo tutti come, ‘Santo cielo, è molto surreale.’ Ho iniziato a scuotere un po’ di più i miei fianchi. Sì, ho sicuramente ballato qualcosa che non avevo mai fatto prima.

Nonostante la band fosse distratta, Jagger non si è scoraggiato di essere un fan di KoL e in un’intervista del 2010 con Radio Assolutaha elogiato il successo di Kings of Leon, che ha attribuito al loro spettacolo killer nell’arena.

Ha commentato: “I Kings Of Leon all’inizio, non lo hanno fatto con successo, ma alla fine devono farlo tutti perché altrimenti diventa un po’ imbarazzante, essere in una stanza quando non sei davvero connesso .

“Ma ora giocano nelle arene e sono davvero bravi e sono molto più disponibili. Hanno ancora i loro momenti di timidezza, ma sembrano essersi ridotti”.

I commenti di Jagger sul fatto che i Kings of Leon siano diventati “molto più disponibili” nel corso degli anni suggeriscono che non è rimasto incredibilmente colpito dalla loro presenza sul palco alla Brixton Academy. Tuttavia, è comprensibile il motivo per cui sarebbero diventati nervosi di fronte a un membro del pubblico così stimato.