I nostri lettori ci aiutano e traiamo profitto dai guadagni di affiliazione guadagnati quando fai clic e acquisti tramite i collegamenti del nostro sito. Ulteriori informazioni.

Come la trilogia originale di “Star Wars” ha cambiato per sempre il cinema

Il Guerre stellari il franchising è un vero e proprio colosso della cultura popolare. Trasformandosi in un leviatano multimediale che ha ampliato la portata del franchise, l’epica opera spaziale è uno dei titoli più immediatamente riconoscibili in circolazione. Per molto tempo non si tratta solo di film, ma anche di serie TV, giochi, giocattoli, libri, giostre e molto altro.

C’era qualcosa nelle infinite possibilità offerte dal trio originale di film di George Lucas e dal loro gigantesco universo che gli ha permesso di tornare con una trilogia prequel dopo così tanti anni e poi alla Disney di acquistare il franchise e scappare con esso fino al tramonto. Qualcosa di un’alternativa più user-friendly a quella di Frank Herbert Duna che ha preso tanti spunti da artisti del calibro di Akira Kurosawa quanto ha fatto gli archetipi junghiani, la storia e le scienze politiche, Lucas ha creato un mondo multiforme e denso che era pronto per essere tuffato a capofitto, entusiasmando i fan e trascinandoli via dalla mondanità di vita di ogni giorno.

Non credo che nessuno di noi che non fosse vivo in quel momento possa comprendere la sensazione audiovisiva di come deve essere stato essere stato testimone dei titoli di testa del primo film, 1977 Una nuova speranza, al cinema per la prima volta. La maestosità di quelle scarabocchiate parole gialle e la superba melodia di John Williams che esplodeva attraverso gli altoparlanti sarebbe stata senza dubbio molto da apprezzare mentre il pubblico cercava rapidamente di leggere la sinossi data loro da Lucas, incerto su cosa fosse in serbo.

Sono anche fiducioso che nessuno a quel punto avrebbe immaginato che quello che stavano per vedere avrebbe cambiato il mondo e, forse in modo più toccante, che sarebbe stato ancora vivo e vegeto circa 45 anni dopo.

Dopo i titoli di coda, la telecamera fa una panoramica della scena in cui tutto ha inizio. Qui vediamo gli sfortunati combattenti ribelli massacrati dagli Storm Troopers, mentre il nostro team di tag robotici preferiti C-3P0 e R2-D2 scappa poco prima che l’estremamente sinistro Darth Vader emerga dal fumo, mentre il tema opprimente svanisce e quei respiri pesanti tagliano la mistura.

Questo ha dato il via a quello che è diventato uno dei franchise cinematografici di maggior successo nella storia, poiché, sin dall’inizio, milioni di persone sono state catturate in tutto il mondo. C’è un potere indecifrabile che porta gli effetti, i mondi, i personaggi, la sceneggiatura e la regia di Lucas che hanno reso questi primi tre film così rivoluzionari. È questo che ha permesso alla loro importanza di durare e di accendere la vivida immaginazione di innumerevoli generazioni di adulti e bambini.

I primi tre film sono stati ciò che ha ispirato un desiderio così insaziabile di altro Guerre stellari contenuto correlato, sia nel canone più ampio che nella merce che ne è seguita, Guerre stellari si espanse continuamente come se fosse una galassia stessa, attirando sempre più persone e aumentando la pressione affinché Lucas torni con un altro set di film che. indipendentemente da quello che potresti pensare, ha anche aiutato il franchise ad espandere ulteriormente i suoi confini, facendo capire alla Disney che si trattava di una creazione che non conosce limiti. È un universo che si scrive.

È sicuro dire che l’originale Guerre stellari La trilogia ha cambiato per sempre il cinema e la cultura popolare. Che si trattasse degli effetti visivi e sonori rivoluzionari, della musica di Williams o della conversazione in generale, questa era la prima volta che qualcuno creava un mondo davvero vivo e vivo per il grande schermo, e uno che sembrava idiosincratico come il nostro. Era a prova di pieno e senza un tallone d’Achille che faceva Guerre stellari un’esperienza davvero coinvolgente che ha lasciato gli spettatori in trance anche dopo l’uscita dei titoli di coda.

(Credito: Alamy)

Guerre stellari creare un precedente per tutto il cinema che va avanti. È stato il primo vero franchise di film multimediali che ha mostrato alle case di produzione e ai consumatori la potenza di una serie che aveva più di un filo al suo arco e ha fatto molti passi avanti rispetto a quella di James Bond, che aveva e ha tuttora un insieme molto limitato di parametri. Una storia completa era il modo perfetto per attirare le persone, e una varietà di merce e canone era il mezzo per tenerci rapiti, un oppiaceo cinematografico delle masse, se vuoi. Indicativo di ciò è il fatto che molte persone si sono battute, anche se senza successo, affinché il jediismo diventasse una religione riconosciuta.

Cerchiamo di essere chiari. Senza l’originale Guerre stellari trilogia, in termini di franchise cinematografici più grandi della vita, non ci sarebbe Signore degli Anelli, Harry Potter, Avatar, pirati dei Caraibi e, naturalmente, l’onnipresente Marvel Cinematic Universe (MCU). È una testimonianza del lavoro di George Lucas che è stato in grado di ideare una sceneggiatura così tridimensionale che non è stato necessario stabilirla attraverso la pubblicazione come libri o fumetti prima dell’uscita del film, la maggior parte dei suddetti.

Non sorprende che la Disney abbia finalmente deciso di acquistare i diritti Guerre stellari dopo aver chiaramente preso molti spunti da esso per il suo marketing per la proliferazione del MCU. Sebbene sia stata un’acquisizione controversa per molte ragioni, è sicuro dire che per la maggior parte la Disney ha affidato le chiavi al Guerre stellari regno a coloro che lo conoscono a fondo, come Jon Favreau, che è un fan della serie da sempre.

Anche se potremmo criticarli per elementi minori, sembra che la Disney sia la persona giusta da prendere Guerre stellari veramente stratosferico. Speriamo solo che non perda di vista i suoi principi filosofici fondamentali quando alla fine diventeranno innumerevoli filoni cinematografici diversi.

Una cosa è certa, però. Anche se il Guerre stellari la storia va fuori strada, avremo sempre la trilogia originale, che, oltre ad essere il set di film più trasformativo nella storia del cinema, rivendica anche con forza di essere il più puro e sincero. Non si può sostenere che ci sia qualcuno più sano che poi infastidisca il Maestro Yoda.