I nostri lettori ci aiutano e traiamo profitto dai guadagni di affiliazione guadagnati quando fai clic e acquisti tramite i collegamenti del nostro sito. Ulteriori informazioni.

Bright Eyes si unisce a Phoebe Bridgers per tre nuovi EP

(Credito: Shawn Brackmill)

Bright Eyes ha approfondito i primi capitoli del loro catalogo arretrato per tre nuovi EP che li vedono collaborare con artisti del calibro di Phoebe Bridgers, Waxahatchee e M. Ward per reimmaginare i primi giorni.

Il progetto innovativo accompagna le ristampe dei loro primi dischi con la ri-registrazione di cinque brani dell’album e una cover della canzone che ha ispirato ciascuno degli album.

Le copertine vedono Bright Eyes affrontare Elliott Smith (naturalmente), Lullaby for the Working Class, Sam Joyner e altro mentre sbirciavamo tra gli abitanti più accaniti nella collezione di dischi di Conor Oberst.

“È un modo significativo per connettersi con il passato che non sembra totalmente nostalgico e autoindulgente”, ha detto Oberst della serie in una dichiarazione.

Aggiungendo: “Stiamo prendendo queste canzoni e le rendiamo interessanti per noi ancora una volta. Mi piace. Mi piace una sfida. Mi piace essere costretto a fare qualcosa di leggermente difficile, solo per vedere se possiamo”.

Al momento puoi dare un’occhiata agli EP su piattaforme di streaming e ascoltare la versione Phoebe Bridgers di “Haligh, Haligh, A Lie, Haligh” di seguito.