I nostri lettori ci aiutano e traiamo profitto dai guadagni di affiliazione guadagnati quando fai clic e acquisti tramite i collegamenti del nostro sito. Ulteriori informazioni.

Brian Eno spiega i bei benefici del canto

Brian Eno si descrive come un “non musicista”, che è una descrizione curiosa per qualcuno così radicato nella produzione e nella sound art. Tuttavia, è solo uno dei tanti modi in cui Eno si descrive nel suo libro Un anno con appendici gonfie, etichettandosi come un “non pilota”, tra le altre cose.

Tuttavia, essere un “non musicista” non significa che non sei un cantante in qualche modo, anche solo per il gusto di farlo, e sembra che Eno sarebbe d’accordo con quel sentimento, anche solo nel senso personale.

Sulla sua affinità per il canto, Eno dice: “Credo nel canto. Credo nel cantare insieme”. Il compositore e produttore discografico prosegue dicendo che il canto può portare “una bella figura, un temperamento stabile, una maggiore intelligenza, nuovi amici, super fiducia in se stessi, maggiore attrattiva sessuale e un migliore senso dell’umorismo. [It offers the ability to] usa i polmoni in un modo che probabilmente non farai per il resto della giornata, respirando profondamente e apertamente.

Il modo in cui Eno descrive il canto non è diverso da come molte persone vedono la meditazione. Implica respiro, concentrazione e può avere una varietà di benefici per la salute e la vita. Dice anche che cantare può aiutarti a “imparare a inglobare te stesso in una coscienza di gruppo”, che è qualcosa che molte persone trovano con la meditazione. Eno continua a dire che cantare porta “un senso di leggerezza e contentezza”.

Il maestro di musica ambient sembra essere particolarmente attento ai temi centrali e alle emozioni che la musica può generare, poiché afferma: “Se mi chiedessero di riprogettare il sistema educativo britannico, inizierei insistendo sul fatto che il canto di gruppo diventi una parte centrale del routine quotidiana. Credo che crei carattere e, più di ogni altra cosa, incoraggi il gusto per la cooperazione con gli altri”. Questo atteggiamento in realtà non è troppo lontano dalle opinioni di molti educatori stessi, la maggior parte dei quali vede il valore nell’incoraggiare i programmi artistici e la consapevolezza nelle scuole. Anche se non si tratta specificamente di cantare, l’atteggiamento è ancora lì, e questa è probabilmente la cosa più importante.

Tutto questo discorso, però, deve rendere almeno alcune persone curiose di sentire la sua voce cantata, se non l’hanno già fatto. Se hai conosciuto Eno solo come produttore e musicista ambient e vuoi ascoltare i suoi primi album in cui la sua voce cantata brilla davvero, puoi sentire la sua voce in basso.