I nostri lettori ci aiutano e traiamo profitto dai guadagni di affiliazione guadagnati quando fai clic e acquisti tramite i collegamenti del nostro sito. Ulteriori informazioni.

Bonobo incanta alla Royal Albert Hall di Londra

Bonobo – Royal Albert Hall

Bonobo è un artista atipico in tutti i sensi. Nulla di ciò che fa è conforme al regolamento e lo spettacolare finale della sua residenza alla Royal Albert Hall non è stato diverso.

Simon Green è stato in viaggio con la sua band dal vivo per promuovere il suo ultimo album, Frammenti, uscito a gennaio, e ha scelto il luogo più grandioso di Londra per portare l’album nella capitale. I due erano una coppia improbabile sulla carta, ma erano perfetti compagni di letto.

Con una capacità di quasi 5.000 persone, il tutto esaurito per una notte alla Royal Albert Hall sarebbe stato un risultato abbagliante per la maggior parte degli artisti, ma, in modo notevole, Bonobo è riuscito a fare il tutto esaurito in cinque date che equivalgono a più vendite di una notte alla O2 Arena.

La sua scelta di suonare alla Royal Albert Hall in numerose date piuttosto che in un grande spettacolo nell’arena è stata un’ottima decisione. Green è stato davvero nel suo elemento per tutto il concerto, che riguardava tanto le immagini caleidoscopiche dietro di lui sullo schermo quanto la musica.

Il set conteneva molti brani del suo meraviglioso nuovo album, Frammentiche ha preso vita magicamente dall’orchestra, dalla cantante Nicole Miglis e dalla band che ha assistito magnificamente Green.

La musica dance e i locali come la Royal Albert Hall di solito non vanno di pari passo, ma Bonobo è riuscito a farlo funzionare. Per la prima parte del concerto, la parte seduta della folla è stata quasi in silenzio, ma una volta che si sono resi conto che potevano alzarsi in piedi, l’atmosfera è diventata euforica.

Vedere Green trasformare con successo le sue creazioni in questa esperienza artistica immersiva è stato davvero uno spettacolo da vedere. del 2013 I confini del nord traccia, “Cirrus” è stato un momento clou particolare e sembrava di guardare la magia in azione.

“Kiara” dal suo album di successo del 2010, Sabbie nere, è stato un altro momento clou e anche un promemoria del lungo viaggio che Green ha fatto per arrivare alla sua residenza presso la sede di Kensington. Gli ci sono voluti decenni di dedizione al suo mestiere e ora sta raccogliendo i frutti che merita.

Quando ha pubblicato il suo album di debutto, Magia degli animali, nel 2000, l’ultima settimana di spettacoli sarebbe sembrata farsesca. Tuttavia, il marchio di elettronica stravagante infuso di trip-hop di Green si è rivelato più popolare di quanto avrebbe mai potuto immaginare, ed è una vera storia di successo da outsider.

Quelli nella stanza si sono tutti uniti a Green in diverse parti della sua ascesa negli ultimi 22 anni. Durante l’encore, mentre chiudeva lo spettacolo sull’incredibile “Kerala”, tutti si meravigliavano all’unisono della magia nera che Bonobo ha lanciato su coloro che erano presenti che hanno organizzato una notte da ricordare.