I nostri lettori ci aiutano e traiamo profitto dai guadagni di affiliazione guadagnati quando fai clic e acquisti tramite i collegamenti del nostro sito. Ulteriori informazioni.

Ascolta la batteria isolata di Meg White per “Seven Nation Army”

Quando si tratta del più grande inno rock degli anni 2000, ce ne sono pochi più degni del primo posto di “Seven Nation Army” dei White Stripes del 2003. Sia una risposta che un catalizzatore alla crescente popolarità del duo garage-rock, il Elefante da allora il singolo è diventato una delle canzoni rock più riconoscibili di tutti i tempi, rivaleggiando con “Iron Man” dei Black Sabbath e “Back in Black” degli ACDC. Ma non è il modo di suonare la chitarra di Jack White di cui ci occupiamo oggi. Invece, ti abbiamo comprato una registrazione isolata della ribollente traccia di batteria di Meg White.

Il più grande punto di forza di “Seven Nation Army” è la sua semplicità. La band non aveva un bassista in quel momento, costringendo Jack White a far scorrere la sua chitarra attraverso un pedale di ottava per dare al riff centrale la profondità necessaria. Mentre Jack fa le sue cose, Meg fornisce slancio mantenendo un 4/4 concreto. Il suo coinvolgimento è graduale. Per cominciare, usa solo la grancassa, il tom acuto e il charleston, sfiorando occasionalmente il piatto ride per aggiungere interesse. Mentre White sbuffa, Meg aggiunge tocchi di rullante sull’insolito prima di scoppiare in un ritornello pesante.

Secondo Jack White, l’iconico riff di chitarra è stato composto durante un sound check al Corner Hotel di Melbourne, in Australia. Parlando con Rolling Stone, il frontman ha ricordato: “C’è un impiegato qui al Third Man di nome Ben Swank, ed era con noi in tour in Australia quando ho scritto quella canzone al soundcheck. Stavo suonando per Meg e lui stava passando e gli ho detto: “Swank, dai un’occhiata a questo riff”. E lui ha detto: ‘Va tutto bene.’ [Laughs] Ha aggiunto: “Non avevo i testi per questo fino a più tardi e lo stavo solo chiamando ‘Seven Nation Army’ – è quello che chiamavo l’Esercito della Salvezza quando ero un bambino. Quindi era solo un modo per ricordarmi di quale stavo parlando, ma ha assunto un nuovo significato con i testi”.

Sorprendentemente, né la sua etichetta negli Stati Uniti né nel Regno Unito volevano pubblicare “Seven Nation Army” come di elefanti piombo singolo. Per fortuna, alla fine hanno accettato e la canzone è diventata la prima canzone dei White Stripes a classificarsi nella US Hot 100 e nella top ten del Regno Unito. Parlando con XFMWhite ha detto: “Posso ripensare a quando Elefante venne fuori. Volevo pubblicare “Seven Nation Army” come singolo. L’etichetta in Inghilterra e l’etichetta in America non volevano entrambe. Volevano mettere “Non c’è casa per te qui” [out], puoi immaginare di non pubblicare “Seven Nation Army” come un singolo?” No, non possiamo.

Assicurati di controllare la traccia di batteria isolata per “Seven Nation Army”, se non l’hai già fatto.