I nostri lettori ci aiutano e traiamo profitto dai guadagni di affiliazione guadagnati quando fai clic e acquisti tramite i collegamenti del nostro sito. Ulteriori informazioni.

Alan White, batterista degli Yes e John Lennon, morto a 72 anni

Alan White, il leggendario batterista britannico che ha inciso il suo nome nella storia del rock and roll grazie al suo lavoro con John Lennon e gli Yes, è morto all’età di 72 anni. La famiglia di White ha confermato la notizia sulla pagina Facebook del batterista.

“Alan White, il nostro amato marito, papà e nonno, è morto all’età di 72 anni nella sua casa di Seattle il 26 maggio 2022, dopo una breve malattia”, si legge nel post. “Nel corso della sua vita e della sua carriera di sei decenni, Alan è stato molte cose per molte persone: una rock star certificata per i fan di tutto il mondo; compagno di band di pochi eletti, e gentiluomo e amico di tutti coloro che lo hanno incontrato.

Nato a Pelton, nella contea di Durham, in Inghilterra, da adolescente White è stato un appuntamento fisso nella scena blues britannica emergente della metà degli anni ’60, inclusa la batteria con artisti del calibro di Billy Fury e Denny Laine. La prima grande occasione di White arrivò quando si unì al collega batterista Ginger Baker’s Airforce nel 1968, cosa che alla fine portò White a ricevere un invito a unirsi a John Lennon per la sua esibizione al Toronto Rock and Roll Revival Festival nel 1969.

White avrebbe continuato ad essere il batterista di riferimento di Lennon per la prima parte della sua carriera, partecipando alla registrazione del singolo “Instant Karma!” e le sessioni di Lennon Immaginare album. White è stato anche uno dei batteristi e percussionisti per cui ha preso parte alle sessioni di George Harrison Tutto deve passare ed è accreditato nel singolo numero uno “My Sweet Lord”.

Successivamente White si unì ai rocker progressisti Yes all’inizio del 1972, appena tre giorni prima del lancio del loro tour americano. White ha sostituito Bill Buford, che ha lasciato la band per unirsi ai coetanei del prog britannico King Crimson. White rimase con la band fino agli anni ’80 Dramma, tornando nel 1983 e continuando ad essere il batterista a tempo pieno della band fino ai giorni nostri. White è stato inserito nella Rock and Roll Hall of Fame come membro degli Yes nel 2017.

Gli altri lavori degni di nota di White includono il contributo agli album di Billy Preston, Donovan e Doris Troy. White ha annunciato che sarebbe saltato fuori dal tour per il 50° anniversario degli Yes Più vicino al limite quest’estate appena tre giorni fa, citando “problemi di salute attuali”.

White lascia la moglie di quarant’anni Rogena “Gigi”, insieme ai suoi figli, Jesse (Emily) e Cassi (Kela).