I nostri lettori ci aiutano e traiamo profitto dai guadagni di affiliazione guadagnati quando fai clic e acquisti tramite i collegamenti del nostro sito. Ulteriori informazioni.

Tom Morello – Vi Svelo Quale È Stata La Band Che Mi Ha Cambiato La Vita

Tom Morello, chitarrista dei Rage Against the Machine e degli Audioslave et agitatore culturale con l’organizzazione no profit Axis of Justice fondata insieme a Serj Tankian dei System of a Down ha detto una volta: In scuola io ero l’unico ragazzo nero che suonava la chitarra e ascoltava heavy metal, ed ero l’unico anarchico in una scuola conservatrice, la Libertyville High School in Illinois dove sua madre Mary Morello insegnava storia.

Domanda: Qual è l’etnia di Tom Morello?

Risposta: Thomas Baptist Morello è nato il 30 maggio 1964 ad Harlem, New York, dai genitori Ngethe Njoroge e Mary Morello. Morello, figlio unico, è figlio di madre americana di origini italiane e irlandesi e padre kikuyu keniota.

Con Adam Jones da bambino aveva giocato insieme in una band con Maynard James Keenan. Da grande, si trasferisce a Los Angeles e forma i Tool con essi. Una volta nella chitarra elettrica trova il suo modo di espressione artistica e politica, seguendo le influenze dei gruppi che chiama per nome: KISS, Devo, Iron Maiden, Black Sabbath, Bob Dylan e Bruce Springsteen.

Dopo aver suonato in Lock Up per 30 anni, forma Rage Against the Machine nel 1991 con Zach de La Rocha, Brad Wilk e Tim Congmerford; mettendo insieme rap metal all’interno delle tradizioni musicali americane di proteste fin dall’album omonimo del 1992: “Rabbia contro la macchina”.

Domanda: Perché Tom Morello non taglia le corde della sua chitarra?

Risposta: “A proposito”, chiede, “perché non tagli i fili? Perché hai sempre le corde che sporgono? Mi sento come se fosse un incidente”. In risposta, il chitarrista dei Rage rivela che “non è un caso” e continua dicendo che inizialmente “non ha tagliato le corde perché ho pensato che fosse bello”.

Nell’uso della musica come arma contro l’ingiustizia, Tom Morello ha chiamato una band di riferimento assoluto, i Clash: “Fino a quando ho sentito London Calling da The Clash, la mia raccolta di album hard rock mi era sembrata priva di significato”.

London Calling è un album del gruppo rock britannico The Clash che li rende “l’unica band che conta” nel 1979. È un incrocio di tutti i tipi di musica di strada, inclusi punk, reggae e rockabilly. Pubblicato in Inghilterra, raggiunge il numero 9 nella classifica degli album del Regno Unito e fa bene anche a livello internazionale.

Domanda: Perché Tom Morello suona la chitarra così in alto?

Risposta: La chitarra è esattamente alla stessa altezza di quando mi siedo e mi sto esercitando, quindi è come se fosse in grado di riprodurre le circostanze esatte in cui mi sono esercitato, e riconosco che non è bello, ma non è così. È stata davvero una priorità enorme.

Nel 2019 Tom Morello ha dichiarato: “Stiamo vivendo quello che allora era solo il sogno di poterci esprimere senza censure”. Ha continuato spiegando che London Calling è stato il suo primo atto politico perché “i Clash mi hanno ricordato che non dovevo essere così isolato”.

Domanda: Come fa Tom Morello a produrre quei suoni?

Risposta: Invece di strimpellare e smorzare le corde, usa il kill switch su un suono grande e sostenuto, ottenendo un’interruzione netta e netta tra il suono pieno e il silenzio completo. Rende la chitarra più simile a un organo.

London Calling, uscito il 5 novembre 2017, è la registrazione che porta in discesa Tom Morello, chitarrista dei Rage Against the Machine, con una traccia senza tempo. Quest’ultima porterà: “Mi hanno fatto pensare che tutto fosse possibile: suonavano un pezzo reggae, rock o punk e sembravano sempre i Clash.”

Ogni parola cantata da Joe Strummer era intransigente e piena di intenzioni. E indossava anche abiti favolosi. Dopo aver ascoltato i Clash, Morello ha trovato la sua strada: ho scritto la mia prima canzone politica il giorno dopo aver divorato quella copia di London Calling. “Si chiamava Salvador Death Squad Blues.”

Domanda: Tom Morello è davvero un buon chitarrista?

Risposta: Classificato al 40° posto nell’elenco dei “100 più grandi chitarristi di tutti i tempi” di Rolling Stone, Morello è noto per il suo tocco di chitarra non convenzionale e per il suo uso massiccio del rumore di feedback e di altri effetti. Integrato dalle sue convinzioni politiche di sinistra, il suono di Morello è innegabilmente ascoltato in tutto il mondo.