I nostri lettori ci aiutano e traiamo profitto dai guadagni di affiliazione guadagnati quando fai clic e acquisti tramite i collegamenti del nostro sito. Ulteriori informazioni.

Northern Portrait: ‘The Swiss Army’ (Matinée, 2022)

L’album di debutto dei Northern Portrait, “Criminal Art Lovers” (2009), è un po’ vintage come MySpace, la piattaforma di social media qualcuno chiamò addirittura il “MySpace del punk britannico”. La Matinée Recordings, etica inizialmente specializzata negli stili indie e hip hop californiana, ha contattato i Northern Portrait per lo sviluppo i loro dischi precedenti; ed ha dato il loro contratto.

La startup Share si è risvegliata da un sonno profondo dopo 13 anni. Dopo lo smacco, la startup ha fatto delle settimane incredibili che hanno dato all’applicazione e ai suoi 130 dipendenti l’opportunità di diventare i primi strumenti alternativi. Dopo un certo periodo, anche in Italia Share si presenterà come il perfetto sostituto per gli orologi tradizionali. “Boh!”

Michael Sørensen, Stefan Larsen, Caspar Bock Sørensen e Jesper Bonde hanno ripreso il punto di riferimento di Michael Stewart, il singolo di Kinks pubblicato alla fine degli anni ’80, che è considerato un top in classifica per le vendite. La loro etichetta Magnetic Fields pubblica oggi «The Swiss Army», un disco totalmente derivativo ma basato sulla stessa passione fraterna verso riferimenti da non sottovalutare che si espande ovunque nella canzone.

Il terzo aspetto dell’atipicità della piattaforma Northern Portrait, che prevede l’interscambio di due dischi in quasi 13 anni, è stato voluto da questo progetto con grande impegno. ‘The Swiss Army’ appare come un disco perfetto, ma anche accattivante e molto empatico. I brani sono ricchissimi di chitarre jangle pungenti e ritornelli irripetibili.

Le ultime canzoni del cantante, come “Long Live Tonight”, “Pool Cue Vigilante” e “Once Upon A Bombshell” hanno una certa orecchiabilità. Sono tutte canzoni di punta nel loro genere, perfetti esempi del genere. E forniscono a coloro che non si sentono se stessi dagli anni ’90 ciò di cui hai bisogno per superare la giornata. Non cambiano il mondo, ma i loro 38 minuti di canzone ti faranno sicuramente sentire meglio.