I nostri lettori ci aiutano e traiamo profitto dai guadagni di affiliazione guadagnati quando fai clic e acquisti tramite i collegamenti del nostro sito. Ulteriori informazioni.

L’”Essenziale” Premio Enriquez tra folk, blues e rock

Oltre al teatro, c’è la musica al Premio Nazionale ‘Franco Enriquez’ di Sirolo di quest’anno. Questa sera (alle 20:30) salirà sul palco Massimo Priviero, musicista e cantautore di grande versatilità; è in grado di fondere o combinare folk, blues e rock. Questo tour lo dimostra (presenta il suo ultimo album ‘Essenziale’, il suo quindicesimo).

Veneto di nascita, ma milanese di adozione, il musicista si conferma uno dei rappresentanti più ‘puri’ del rock’n’roll italiano che, da trent’anni continua a tenere alta la bandiera, sia attraverso lavori in studio che attraverso migliaia di concerti. Il cantante è tornato quest’estate nella sua dimensione preferita: quella delle esibizioni dal vivo. Essenziale è un’opera intima e profonda che descrive la propria visione personale.

Il titolo non è casuale: l’opera vuole spogliarsi delle chitarre elettriche ma con poche eccezioni e vuole essere ‘essenziale’ nelle intenzioni, nei testi, con cui Priviero descrive senza misura il bisogno di realtà, concretezza, umanità.

Mentre passeggiavo fuori ho notato che tutto era legato insieme da un unico filo conduttore. Che la storia sia più difficile da tradurre o più intensa, o che si tratti di visioni del mondo o dichiarazioni di valori, tutto sembra avere un’ipotetica linea rossa, un “è” o “forza della vita” che potrebbe coincidere con il titolo.

ogni cosa è pensato per voce, chitarra e suoni. I temi sono quelli che ho in anima in questa fase della mia vita, così come sono il mio modo di vedere e di stare al mondo”.