I nostri lettori ci aiutano e traiamo profitto dai guadagni di affiliazione guadagnati quando fai clic e acquisti tramite i collegamenti del nostro sito. Ulteriori informazioni.

40 anni di storia new wave e rock dal Spettacolo ad Alghero, evento per l’addio della Litfiba

 Alghero – Era tanto tempo che tanta gente con grandi e bambini esultava per un grande evento. Certo, la maggior parte dei posti ad Alghero quest’anno sono stati occupati dai turisti, ma una cosa importante sono le passeggiate, i ristoranti, i bar, le cene tra amici. Sebbene siano culture e tradizioni diverse, la musica è quella che offre un momento di piacere e cultura condivisi. Interpretato da una band con batteria, basso, chitarra, tastiera e voce.

Cose che sembravano superate, d’antan, antiche e invece tutt’altro. Il concerto dei Litfiba, all’interno del programma predisposto dalla Fondazione Alghero in questo caso con Insula Events, è stato, ad oggi, quello con più pubblico (5.000 ingressi) e probabilmente lo sarà fino alla fine della stagione.

C’è da considerare anche che era una data del tour dell’addio, dopo 40 anni di storia della musica non solo italiana, ma bisogna anche evidenziare che v’era, e v’è, voglia di musica, quella vera, suonata e perfino rock o perfino oltre. Musica che entusiasma e, a prescindere dalla sua realizzazione (con strumenti classici o elettronica) che ha una storia, fa emozionare, non fugace, ma che resterà impressa per molto per sempre.

Litfiba rappresentano anche tutto questo. Non da oggi, anzi, in particolare nei loro esordi che, come noto ai suoi fans, con la “triade” Desaparecido, 17 Re e Litifiba 3 e l’ep Eneide e poi l’eccezionale live Aprite i vostri occhi hanno impresso un’impronta non cancellabile nella storia della musica moderna.

Nel corso di una serata ricca di laboratori, ospiti e interventi introduttivi, il 27 dicembre scorso i Litfiba hanno suonato la loro ultima data a Bologna. L’esibizione è stata veramente da urlo con pesanti riferimenti all’opera dei due musicisti bandiera fiorentina, Piero Pelù e Ghigo Renzulli.

A parte qualche necessario aggiustamento legato ai punti bar, acqua e ristori, e l’eccessivo caldo afoso, il concerto è stato per un buon inizio della stagione musicale un grande evento di festa. Un ultimo concerto nella Sardegna che resterà nella storia e che non sarà sostituita in futuro da concerti con altri gruppi per esigenze commerciali. In onore del mondo della musica, che ha raggiunto un nuovo livello.