mag 28 2012

DKNY Estate 2012: Collezione di Scarpe Donna Karan

Donna Karan, in ogni sua collezione, sa decisamente coniugare il comfort e la vestibilità dell’abbigliamento sportivo con l’eleganza del pret-a-porter, riuscendoci ampiamente anche in questa sua nuova collezione di calzature DKNY primavera/estate 2012.

Una collezione naturale e facile da indossare, esattamente quello che ci si aspetta da delle creazioni pensate per la stagione estiva. Variegata e colorata, all’interno di essa troviamo modelli che spaziano dalla comodità più assoluta, alla classica eleganza ma dal tocco estremamente vivace.

Protagoniste di questa primavera/estate 2012 sono di nuovo le zeppe, qui proposte in modelli dall’altezza vertiginosa e con uno stile alquanto ricercato. Zeppe dai toni casual, molto adatte per l’abbigliamento da giorno, visti i colori tenui e l’altezza contenuta, molto simili alle espadrillas.

Oppure modelli in pelle o in camoscio, tutti dotati di cinturini alla caviglia per assicurare meglio il piede, in suede grigio con parte inferiore in corda e zeppa alta, bilanciata da plateau nella parte anteriore.

Ma se desideriamo un look per la sera decisamente trasgressivo ma pur sempre comodo, potremmo indossare le zeppe rivestite in pelle nera con listini sul collo del piede e un tacco di almeno 10 cm.

Inoltre c’è la linea di dècolletès Donna Karan, con modelli a punta stretta, con e senza plateau, dalle stampe geometriche nei toni del rosa, del nero e del grigio, aperte sul davanti oppure chiuse, decisamente più adatte anche per l’ufficio.

Ma oltre alle altezze vertiginose, DKNY primavera/estate 2012  non tralascia le amanti dei modelli flat, proponendo sandali bassi ma pur sempre favolosi, con listini intrecciati, eccentrici in vernice rossa, oppure più sobri nei toni del beige e del nero, richiamando moltissimo l’effetto “alla schiava”.

Allora che ne pensate della nuova collezione DKNY primavera/estate 2012? Visitate il sito Donna Karan , potrete trovare tanti spunti per i vostri outfits estivi.

Non ci sono commenti




Comments RSS

Scrivi un commento